Juric:"Dobbiamo completarci,siamo inferiori rispetto all'anno scorso" - IL TORO SIAMO NOI
Juric:"Dobbiamo completarci,siamo inferiori rispetto all'anno scorso" - IL TORO SIAMO NOI
Juric:"Dobbiamo completarci,siamo inferiori rispetto all'anno scorso" - IL TORO SIAMO NOI
Juric:"Dobbiamo completarci,siamo inferiori rispetto all'anno scorso" - IL TORO SIAMO NOI
Juric:"Dobbiamo completarci,siamo inferiori rispetto all'anno scorso" - IL TORO SIAMO NOI
Juric:"Dobbiamo completarci,siamo inferiori rispetto all'anno scorso" - IL TORO SIAMO NOI

Juric:”Dobbiamo completarci,siamo inferiori rispetto all’anno scorso”

Ivan Juric in conferenza stampa ha presentato la gara con il Cagliari, che si disputerà domani alle 18,30 allo stadio Grande Torino Olimpico.

C’è grande attesa per domani. Come arriva la squadra?
“Una parte bene, ma ci mancano giocatori in difesa e anche sulle fasce”.

Ranieri ha detto che il Cagliari sa come giocate, ma voi non conoscete loro. E’ un problema?
“Ranieri è un maestro, anche a livello umano, affrontarlo è molto difficile”

L’organico a disposizione è idoneo per fare il salto di qualità?
“Penso sia tutto chiaro: sono andati via più giocatori di quanti arrivati, non siamo al livello dell’anno scorso. Sappiamo tutti chi è andato via e chi è arrivato, è facile capire cosa ci manca”

Sarà la partita di Bellanova?’Confermo quanto ho già detto: ha le caratteristiche giuste, ma su certi aspetti deve lavorare per arrivare ai livelli di Singo. E’ un giovane, ha giocato poco ma è di grande prospettiva e deve lavorare tantissimo’

Quanti uomini mancano o pensa che possano arrivare dal mercato?’La società ha fatto lo sforzo di confermare fino ad oggi una parte della squadra. E’ differente avere un giocatore in prestito o di proprietà, ma alcuni giocatori non sono stati sostituiti. Per un salto di qualità e per fare qualcosa in più devi sostituirli con giocatori più forte. Adesso dobbiamo almeno pareggiare quelli dell’anno scorso’

Ci sono assenze importanti per domani?’Rodriguez, Schuurs e Buongiorno hanno fatto un bel ritiro. Preoccupa Djidji, dopo l’operazione il suo recupero va a rilento. Zima invece è ai box per vecchi problemi. Sulle fasce abbiamo perso Singo e non abbiamo tante opzioni, speriamo stiano tutti bene’

Avete un vantaggio rispetto all’anno scorso?’Non abbiamo più giocatori in prestito, li abbiamo comprati e abbiamo tanti giovani: questo è un gran vantaggio, anche poter proseguire il lavoro fatto. Si lavora meglio perché ti conoscono di più’

E’ una questione più numerica o di qualità?’Il mio pensiero è che dobbiamo completarci, siamo inferiori all’anno scorso. Se vuoi migliorarti, devi mettere giocatori più forti di quelli che hai adesso. Se faremo come l’anno scorso sarebbe un grande successo’

Siete migliorati anche nello staff?’Abbiamo uno staff di alto livello, poi ogni giorno scopri figure nuove e che si può curare meglio i giocatori. Noi dobbiamo essere perfetti nel lavoro e nell’organizzazione per avvicinarci agli altri’

Qualche giocatore ha chiesto di essere ceduto?’Ora siamo sotto numero, non è possibile cedere qualcuno. Nessuno mi ha chiesto di andare via’

Per giocare vicino a Vlasic è meglio un giocatore con le caratteristiche di Praet oppure di Miranchuk?’Mi è piaciuto molto avere Miranchuk, è stato funzionale al gioco, ma hanno caratteristiche diverse lui e Praet. Se arriverà qualcuno con caratteristiche differenti ci arrangeremo in un altro modo per sostituire uno come Miranchuk’

Con che spirito comincia questa sua terza stagione al Toro?’Dobbiamo voler migliorarci e crescere, senza porci obiettivi particolari perché ad oggi non possiamo farli. Dobbiamo pensare solo ai miglioramenti, l’unica parola è questa’

Ricci e Schuurs vanno considerati fuori dal mercato o ci può essere un pericolo che all’ultimo uno dei due possa essere ceduto?’Sono giovani e in crescita, hanno avuto richieste che però non sono state soddisfacenti per la società. Tutti gli allenatori si lamentano di avere giocatori che possono andare via, sappiamo che sul mercato può ancora succedere di tutto’

E’ fiducioso sull’ultima parte di mercato?’Rispetto agli ultimi due anni siamo a buon punto, abbiamo potuto allenarci e fare amichevoli. La società si sta impegnando ed è stata creata la possibilità di lavorare serenamente a livello economico. Ci mancano giocatori che Vagnati sta cercando per completare la rosa: non è un segreto. Se faremo qualcosina in più, lo deciderà la società. Ora stiamo facendo cose logiche’

Questa è la sua ultima stagione al Torino oppure no?’Tutto quello che ho fatto, l’ho fatto bene.Se non avessi lottato saremmo stati ad un punto più basso. Le litigate sono servite perché abbiamo creato un gruppo di giocatori giovani che alleno con piacere. Io non chiedo di fare qualcosa in più, deve arrivarci dalla società’

Questa può essere un’annata differente per Pellegri?‘Ni. Non riesce ad allenarsi con continuità, a volte ha un problema e a volte un altro. Non ha la continuità che mi aspettavo’

Avete già parlato del suo rinnovo?’Siamo concentrati sulla stagione, Vagnati e il presidente lavorano e pensiamo ad aggiungere altri pezzi a una squadra giovane e interessante. Tutto gira intorno a questo’

Sanabria ha patito un po’ il ritiro: come sta adesso?’Ho fiducia in Tonny, tutti gli attaccanti non hanno fatto bene in ritiro. Seck è fuori per un problema alla spalla, spero che da domani gli attaccanti cambino andazzo perché il ritiro non è stato sufficiente’

Cosa può dire ai tifosi prima dell’inizio del campionato?’Devono avere entusiasmo, noi vogliamo migliorarci e fare di più. I giocatori sono vogliosi di fare di meglio,ma il distacco con le prime otto dopo il mercato è aumentato. Comunque mi concentrerei sul miglioramento in modo da fare ogni partita al massimo e lottare: questo è il nostro obiettivo’

Le piace Correa?

“Non rispondo”

Scopri di più da IL TORO SIAMO NOI

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading