L'ex primavera Celesia ucciso a Palermo - IL TORO SIAMO NOI
L'ex primavera Celesia ucciso a Palermo - IL TORO SIAMO NOI
L'ex primavera Celesia ucciso a Palermo - IL TORO SIAMO NOI
L'ex primavera Celesia ucciso a Palermo - IL TORO SIAMO NOI
L'ex primavera Celesia ucciso a Palermo - IL TORO SIAMO NOI
L'ex primavera Celesia ucciso a Palermo - IL TORO SIAMO NOI

L’ex primavera Celesia ucciso a Palermo

Tragedia a Palermo: è morto il ventiduenne Rosolino Celesia, ucciso a colpi d’arma da fuoco davanti a un locale della città.

L’episodio è avvenuto nella notte tra mercoledì e giovedì nei pressi della discoteca Notr3, in via Pasquale Calvi.

Celesia era un ex calciatore, anche se l’ultima sua esperienza nel mondo del pallone risaliva a due anni fa. Nel corso della propria breve carriera aveva militato anche nelle giovanili del Torino e del Palermo stesso.

Secondo la stampa locale, ci sarebbe stata una rissa all’interno della discoteca proseguita all’esterno del locale.

Celesia sarebbe stato centrato da due colpi d’arma da fuoco, uno al collo e l’altro al torace, venendo trasportato d’urgenza da un’altra persona all’Ospedale Civico. Arrivato in condizioni definite subito disperate, è però deceduto verso le 3.

CHI ERA ROSOLINO CELESIA

Rosolino Celesia, classe 2001, era figlio del cantante neomelodico Gianni. Ma soprattutto aveva un trascorso nel mondo del calcio: di ruolo attaccante, aveva giocato nelle giovanili del Trapani, del Palermo ma soprattutto del Torino.

Fan di Alvaro Morata, si era ritirato nel 2021 dopo aver giocato con la Parmonval in Eccellenza. Nel proprio curriculum aveva anche esperienze con il Marsala e il Troina, entrambe in Serie D.

COMMENTA L'ARTICOLO