Dall'Inghilterra: il Toro su Schelotto - IL TORO SIAMO NOI
Dall'Inghilterra: il Toro su Schelotto - IL TORO SIAMO NOI
Dall'Inghilterra: il Toro su Schelotto - IL TORO SIAMO NOI
Dall'Inghilterra: il Toro su Schelotto - IL TORO SIAMO NOI
Dall'Inghilterra: il Toro su Schelotto - IL TORO SIAMO NOI

Dall’Inghilterra: il Toro su Schelotto

Ha giocato la sua ultima partita in Serie A contro il Torino, quando un infortunio al ginocchio lo costrinse a porre fine in maniera anticipata alla sua seconda avventura al Chievo, e nella prossima stagione potrebbe ripartire proprio dal massimo campionato italiano e dal Toro, ma questa volta per vestire la maglia granata.

Ezequiel Schelotto è uno dei giocatori messi nel mirino dal Torino in vista della sessione estiva di calciomercato. Come riportato da ‘Tuttosport’, il contratto che lo lega al Brighton è in scadenza e il suo desiderio è quello di fare ritorno in Italia.

A 31 anni rappresenterebbe un innesto capace di garantire qualità all’out di destra ma anche una buona dose d’esperienza e il fatto che possa essere prelevato a parametro zero lo rende particolarmente appetibile. Sulle tracce del ‘Levriero’ c’è anche il Benevento, ma il Torino al momento rappresenta l’opzione in cima alle sue preferenze.

Il nuovo responsabile dell’area tecnica granata, Davide Vagnati, ha già preso contatti con l’entourage del giocatore, ma prima di poter approfondire il discorso è necessario che la classifica si faccia meno pericolosa.

Schelotto sarebbe un giocatore ‘pronto all’uso’, visto che conosce già alla perfezione il calcio italiano. Cresciuto nel Velez e nel Banfield è approdato giovanissimo in Italia e tra Lega Pro, Serie B e Serie A, ha già vestito le maglie di Cesena, Catania, Atalanta, Inter, SassuoloParma e Chievo.

L’esterno italo-argentino, al suo attivo può anche vantare una presenza nella Nazionale maggiore Azzurra: quella del 15 agosto 2012 a Berna, quando l’Italia fu impegnata in un’amichevole contro l’Inghilterra.

One thought on “Dall’Inghilterra: il Toro su Schelotto

  1. Siamo alle solite. Ma il mercato non dovrebbe farlo il DS? Possibile che ci si muova sempre nella solita direzione?? Si vorrebbe un presidente che di calcio ne capisse e invece si continua a nn vedere che buio nero

Comments are closed.