Bremer può diventare italiano - IL TORO SIAMO NOI
Bremer può diventare italiano - IL TORO SIAMO NOI
Bremer può diventare italiano - IL TORO SIAMO NOI
Bremer può diventare italiano - IL TORO SIAMO NOI
Bremer può diventare italiano - IL TORO SIAMO NOI

Bremer può diventare italiano

Bremer, appena eletto come miglior difensore dell’ultima Serie A, quasi certamente cambierà squadra ma non solo. Il difensore potrebbe anche essere convocato nella Nazionale italiana.



Dopo Luiz Felipe e Toloi, Roberto Mancini potrebbe chiamare in Nazionale un altro centrale “brasiliano”. 

Secondo le ultime notizie in arrivo da Coverciano, infatti, la Nazionale italiana starebbe pensando alla convocazione di Gleison Bremer in difesa. Con lui il gruppo degli italo-brasiliani salirebbe a 5, considerando la presenza di Joao Pedro e Jorginho.

Il centrale, fino ad oggi ignorato dal Brasile, potrebbe diventare italiano nei prossimi mesi. La moglie Deborah Claudino, infatti, è brasiliana come lui (i due si conoscono da quando erano ragazzini) ma ha origini italiane. Per questa ragione Bremer, grazie agli antenati veneti della moglie, potrebbe diventare presto convocabile per l’Italia.

La moglie avvia la pratica, potrà essere convocato da Mancini

La signora Deborah ha avviato la pratica per ottenere la cittadinanza italiana nei prossimi mesi. Per tale motivo, quando questa le sarà riconosciuta, Bremer potrà essere chiamato da Mancini.

Il difensore del Torino, infatti, potrà fare leva sulla nazionalità della moglie per richiederla anche lui, come garantito dalla legge. Secondo le ultime notizie in arrivo da Torino, Bremer sarebbe intenzionato a fare questo passo.

Poi toccherà solo al difensore decidere se accettare la convocazione (probabile) da parte dell’Italia, o aspettare una chiamata dal Brasile.

Non sarebbe il primo caso di calciatore brasiliano che ha avuto il doppio passaporto grazie al matrimonio. La situazione è in evoluzione, ed è monitorata con grande attenzione dal ct  Mancini.

Cosa manca per la convocazione di Bremer con l’Italia?

Ma non è ancora finita, perchè quando il processo burocratico sarà completo, i Bremer dovrà soddisfare due requisiti per diventare convocabile in azzurro.

Il centrale non dovrà essere mai sceso in campo con una selezione brasiliana (a oggi, ha zero presenze) e vivere da cinque anni in Italia. Bremer è al Torino da 4 stagioni ed il 2023 non è così lontano, ma se in estate fosse ceduto all’estero le cose potrebbero cambiare anche per il ct.