Analisi corsa salvezza: Toro-Brescia crocevia per i granata - IL TORO SIAMO NOI
Analisi corsa salvezza: Toro-Brescia crocevia per i granata - IL TORO SIAMO NOI
Analisi corsa salvezza: Toro-Brescia crocevia per i granata - IL TORO SIAMO NOI
Analisi corsa salvezza: Toro-Brescia crocevia per i granata - IL TORO SIAMO NOI
Analisi corsa salvezza: Toro-Brescia crocevia per i granata - IL TORO SIAMO NOI
Analisi corsa salvezza: Toro-Brescia crocevia per i granata - IL TORO SIAMO NOI

Analisi corsa salvezza: Toro-Brescia crocevia per i granata

Quando mancano otto giornate dal termine, lo Scudetto sembra poter prendere la via di Torino per la nona stagione in fila. E mentre anche tra le prime quattro sembra rimangano da decidere solo le posizioni in zona Champions League, nella parte bassa della classifica gli scenari rimangono ancora aperti.

La SPAL fanalino di coda con 19 punti spera, anche se dovrà migliorare il misero rendimento di soli 4 punti nelle ultime 10 partite – una sola vittoria, a Parma, più il pari contro il Milan. Per uscire dalla zona rossa servirebbero almeno 7 punti al momento: la vittoria contro i rossoneri avrebbe potuto cambiare le carte in tavola. Come è successo al Brescia, vittorioso contro il Verona e salito a 21. Dalla ripresa i lombardi hanno raccolto 5 punti in 4 partite e mostrato segnali incoraggianti, ritrovando anche una vittoria che mancava dal 14 dicembre.

Al penultimo posto rimane il Lecce a 25 punti: tre vittorie consecutive tra gennaio e febbraio avevano dato fiducia a Liverani e ai suoi. Poi, però, il crollo. 6 sconfitte in fila arrivando fino a subire 25 goal. Calendario complicato – Roma, Juventus, Milan, Atalanta – e problemi di infortuni hanno frenato i salentini, i quali però restano soltanto a due punti dal Genoa, primo in zona franca a quota 27. La squadra di Nicola vola in trasferta: non ha mai perso nelle ultime 6, raccogliendo 10 punti.

Né Grifone né i giallorossi sono riusciti a vincere dalla ripresa, al contrario di quanto hanno fatto Torino (31 punti), Udinese (32 punti), Fiorentina (34 punti) e Sampdoria (32 punti). Le prime tre citate hanno conquistato una vittoria e un pareggio che hanno permesso di staccare il Lecce e spostarsi sopra la media di un punto ottenuto a partita, mentre i blucerchiati ne hanno ottenuti 6 grazie a due vittorie chiave contro Lecce e SPAL.


Il successo di ieri del Brescia contro il Verona complica non poco il cammino della squadra di Moreno Longo verso la salvezza, perché i bresciani saranno la prossima avversaria dei granata e mercoledì scenderanno in campo alla ricerca dei tre punti che li rilancerebbe in maniera clamorosa nella lotta per la permanenza in Serie A, dopo aver a lungo occupato l’ultima posizione in classifica. Il successo sul Verona, tuttavia, va analizzato oltre al risultato, perché gli scaligeri hanno dominato senza appello la prima frazione di gioco, cedendo poi di schianto a livello fisico nella ripresa, quando è venuta fuori la squadra di Diego Lopez. A prescindere dalle condizioni mentali e fisiche del Brescia, che comunque godrà di un giorno di riposo in meno rispetto ai granata, al Toro serviranno i tre punti che dopo tre sconfitte di fila dovranno necessariamente arrivare.