Viktorija Mihajlovic: "Che dolore vederlo lì" - IL TORO SIAMO NOI
Viktorija Mihajlovic: "Che dolore vederlo lì" - IL TORO SIAMO NOI
Viktorija Mihajlovic: "Che dolore vederlo lì" - IL TORO SIAMO NOI
Viktorija Mihajlovic: "Che dolore vederlo lì" - IL TORO SIAMO NOI
Viktorija Mihajlovic: "Che dolore vederlo lì" - IL TORO SIAMO NOI
Viktorija Mihajlovic: "Che dolore vederlo lì" - IL TORO SIAMO NOI

Viktorija Mihajlovic: “Che dolore vederlo lì”

La battaglia di Sinisa Mihajlovic contro la leucemia è stata argomento di discussione più e più volte nel mondo del calcio nei mesi scorsi, mai è stata affrontata dal punto di vista della famiglia dell’allenatore del Bologna: a svelare questi particolari ci ha pensato Viktorija, primogenita del coach rossoblù.

Queste le sue parole ai microfoni di Rai Uno: “Ero arrabbiata, non ero pronta e non conoscevo la malattia, per me era qualcosa di gravissimo. Ma per assurdo anche in quella situazione è stato lui a chiamarmi per tranquillizzarmi. Alla mia psicologa ho raccontato che non mi innamoro mai e lei mi ha spiegato che sono innamorata di mio papà, ma che devo capire che quello è un amore diverso. Insomma, tendo sempre a fare un paragone tra i ragazzi e mio padre, sono un po’ esigente. Non ci siamo visti per quaranta giorni quando ha cominciato le prime cure, poi finalmente insieme. E’ un momento che non dimenticherò mai. Lui non ha voluto che entrassimo in stanza, ma è voluto uscire lui, camminando, per venire da noi. Così l’ho aspettato in sala d’attesa. Al primo impatto mi è sembrato mio nonno: era molto dimagrito, non aveva capelli. Inizialmente non ho parlato molto, perché mi veniva da piangere. Poi mi sono calmata e abbiamo chiacchierato un po’. La cosa che mi ha fatto più male è stato quando l’ho dovuto salutare, nel vederlo rientrare là dentro”.