Longo:"Nessun alibi!" - IL TORO SIAMO NOI
Longo:"Nessun alibi!" - IL TORO SIAMO NOI
Longo:"Nessun alibi!" - IL TORO SIAMO NOI
Longo:"Nessun alibi!" - IL TORO SIAMO NOI
Longo:"Nessun alibi!" - IL TORO SIAMO NOI
Longo:"Nessun alibi!" - IL TORO SIAMO NOI

Longo:”Nessun alibi!”

Moreno Longo ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Torino Channel: “I ragazzi si sono ripresentati nel migliore dei modi, vogliosi di ricominciaredopo questa lunghissima e atipica pausa. Desiderosi di riprendere confidenza con il lavoro e con la loro professione. In questi giorni stiamo lavorando su tutti i fronti: dobbiamo assolutamente riportare i giocatori in una condizione ottimale. Poi dobbiamo tornare a curare gli aspetti tecnico-tattici su cui stavamo lavorando a febbraio. Soprattutto, il Toro deve ritrovare quell’autostima che nell’ultimo periodo era mancata. Perché ci sono le potenzialità per fare sicuramente meglio di quanto si era fatto nell’ultimo tratto di stagione. C’è quindi bisogno di pensare positivo e conquistare punti attraverso le prestazioni, a partire da quella contro il Parma”.

Io voglio vedere questo come un aspetto che vale per tutti: tutte le squadre saranno in queste condizioni. Si partirà tutti alla pari. Non voglio che la mia squadra possa avere alibi nella testa. Ci sono queste partite da fare, noi dovremo essere abili ad adattarci. La capacità di adattamento potrà fare la differenza”.

Longo ha poi detto la sua anche pensando alla situazione infortuni:9 Ci dispiace per Daniele, lo riteniamo un giocatore molto importante per questa rosa, ma sono sicuro che chi c’è non lo farà rimpiangere”. Allora ecco che per ovviare ai possibili guai fisici in cui potrebbero incorrere i giocatori, rimasti fermi per mesi, in aiuto degli allenatori i cinque cambi, ma potranno essere utili? “E’ una cosa che deve esser congeniale, specie nelle prime partite quando la condizione sarà precaria per tutte le squadre è una novità che darà la possibilità ai giocatori di rifiatare cambiandoli con chi è più fresco. Quindi a mio parere è un fattore positivo”.

È normale che chi ha iniziato prima può avere qualche vantaggio, ma il fatto che non ci siano amichevoli per nessuno porta tutti allo stesso livello. Noi siamo tra le squadre che ha cominciato qualche giorno dopo ma siamo convinti di poter comunque approcciare bene la prima partita”.

Longo è poi passato ad analizzare il prossimo avversario dei suoi: È una squadra con un’identità ben precisa costruita negli anni, ma che nell’ultimo campionato ha saputo evolversi. Il loro statuto tattico non si basa più solo sulle ripartenze, ma hanno imparato a costruire gioco. Ci confronteremo e il campo dirà chi è riuscito a lavorare meglio in questi giorni”.

Gli stadi rimarranno vuoti e ancora non si sa fino a quando. Il fattore campo passerà dunque in secondo piano, Longo a riguardo ha concluso: Sicuramente le motivazioni faranno la differenza. Giocare senza pubblico, come dico spesso, è molto difficile; i tifosi sono parte integrante del nostro lavoro, sono coloro che rendono affascinante e bello tutto quel che noi facciamo, e poi noi abbiamo una tifoseria calda e preziosa. Ma non vogliamo alibi: dobbiamo saperci adattare ed essere pronti a fare quello che dobbiamo fare”.