Consiglio Federale: no al blocco retrocessioni,i dettagli - IL TORO SIAMO NOI
Consiglio Federale: no al blocco retrocessioni,i dettagli - IL TORO SIAMO NOI
Consiglio Federale: no al blocco retrocessioni,i dettagli - IL TORO SIAMO NOI
Consiglio Federale: no al blocco retrocessioni,i dettagli - IL TORO SIAMO NOI
Consiglio Federale: no al blocco retrocessioni,i dettagli - IL TORO SIAMO NOI
Consiglio Federale: no al blocco retrocessioni,i dettagli - IL TORO SIAMO NOI

Consiglio Federale: no al blocco retrocessioni,i dettagli

Era attesa per oggi la decisione del Consiglio Federale in merito al piano B da adottare per la Serie A nel malaugurato caso ci si trovasse costretti ad affrontare una nuova interruzione, provvedimento che diverrebbe inevitabile se la situazione si aggravasse con altri casi di positività tra i calciatori e i membri degli staff tecnici.

Alla fine, come riportato da ‘Sky Sport’, si è optato per la strada dei playoff e dei playout che verrebbe presa in considerazione soltanto se lo stop dovesse essere decretato prima di una certa data, ovvero il 10 luglio.

In caso contrario, sarà l’algoritmo voluto dal presidente della FIGC, Gabriele Gravina, a stabilire i verdetti (Scudetto a parte): bocciata la proposta della Lega di Serie A del blocco delle retrocessioni che tanto aveva fatto discutere nei giorni scorsi.

Sulla struttura di playoff e playout non c’è ancora nulla di deciso e, come annunciato da Gravina, nuove comunicazioni a riguardo arriveranno nei prossimi giorni.

“Prossimamente ci saranno novità e stabiliremo le eventuali modalità di svolgimento. Meglio un mini torneo di un algoritmo. Chi si renderà colpevole di irregolarità atte ad alterare il regolare svolgimento del campionato, finirà la stagione in fondo alla classifica. Ha vinto il calcio, c’è sempre stata coerenza e l’esigenza di far ripartire la Serie A”.

Al contempo, il Consiglio Federale ha decretato anche la promozione in Serie B di Monza, Vicenza e Reggina, le tre squadre capoliste dei rispettivi gironi di Serie C al momento della sospensione.

La terza divisione ripartirà direttamente con la disputa di playoff e playout, mentre in Serie D scenderanno le ultime classificate di ogni girone (Gozzano, Rimini e Rieti). Infine sono previsti playoff ‘volontari’ tra le squadre aventi diritto per decretare la quarta squadra promossa in Serie B ed i playout saranno basati sull’algoritmo.

Niente ripartenza, invece, per il calcio femminile: il ritorno in campo slitta così direttamente alla prossima stagione.