L’UEFA valuta la sospensione del Fair Play finanziario


L’emergenza coronavirus rischia di avere pesanti conseguenze anche sui bilanci delle società di calcio. Un fattore che può incidere anche sul Fair Play Finanziario, visto l’impatto potenziale in termini di ricavi e quindi di perdite.

Come spiega la Gazzetta dello Sport, l’ipotesi che circola è quella infatti di sospendere il FPF. L’Uefa ha creato due diverse commissioni per esaminare quali dovranno essere i provvedimenti da prendere per superare il momento di emergenza: tra le problematiche economiche, spicca così anche il Fair Play Finanziario.

Sul tema, c’è chi spinge per il congelamento basandosi anche sulle scelte dell’Unione Europea, che ha sospeso il Patto di Stabilità che regola l’indebitamento degli Stati aderenti all’Euro. L’ipotesi quindi è che l’Uefa possa aiutare le società non considerando i rossi di bilancio della stagione 2019/20, senza tuttavia far scomparire i controlli: si tratterebbe di una sorta di limbo in cui le perdite previste e legate al coronavirus non sarebbero contabilizzate in generale.

Una situazione che potrebbe aiutare in particolar modo anche le squadre italiane: l’Inter è uscita solo da un anno dal regime del settlement agreement, mentre Roma e Juventus hanno già fatto segnare pesanti rossi nei primi sei mesi di esercizio.


COMMENTA L'ARTICOLO