Sirigu duro con i tifosi:”Ambiente ostile,troppo facile esultare alla fine”


Sirigu a fine partita se la prende con i tifosi,queste le Sue dichiarazioni.

“E’ stata tosta, nel calcio non ti regala niente nessuno. Dobbiamo imparare a non regalare niente anche noi. Sono partite che servono per allenare ciò che viene dopo. Sono cose che ti fanno assaporare ancor di più questo sport e ti fanno capire cosa c’è dietro”

“Il 2020 è iniziato come si è concluso il 2019. Con i fischi, l’ambiente non è contento, è ostile. Delle volte ho detto che era giusto così, era giusto ascoltare le critiche e riceverle. Noi abbiamo sicuramente fatto un periodo non all’altezza, non brillante. Lo sappiamo, potevamo dare molto di più. Quando sono arrivate le critiche nel momento negativo, eravamo consapevoli che toccava a noi ribaltarle. Stiamo cercando con tutte le nostre forze di poter ribaltare la situazione, di riconquistare l’affetto e la fiducia dei tifosi. Ma oggi dopo 10′ c’era malcontento e questo lo si avverte, abbiamo delle difficoltà oggettive quotidiane. Giocare qui diventa sempre più difficile, perché sappiamo l’ambiente che andiamo a trovare”.

“Non vogliamo essere coccolati ma neanche essere criticati in maniera prevenuta e credo che ciò stia avvenendo ultimamente. Avere una comunione d’intenti, un ambiente unito è sempre stato la nostra forza. Era la nostra forza anche scendere qui in campo e sapere di non regalare niente a nessuno dal punto di vista tecnico e tattico ma anche ambientale. Adesso comincia ad essere più dura e iniziano ad approfittarne gli altri. Cercheremo di conquistare la fiducia perduta, anche se ciò non è facile”.

“Tifosi? Oggi lo stadio era vuoto ma quando sbagliavamo sentivamo i loro mugugni. Bisogna essere tutti uniti, troppo facile esultare alla fine”.


COMMENTA L'ARTICOLO