"Vanoli ha un contratto di due anni,non ci ha detto che vuole andare via.C'è una clausola da pagare in contanti" - IL TORO SIAMO NOI
"Vanoli ha un contratto di due anni,non ci ha detto che vuole andare via.C'è una clausola da pagare in contanti" - IL TORO SIAMO NOI

“Vanoli ha un contratto di due anni,non ci ha detto che vuole andare via.C’è una clausola da pagare in contanti”


Il presidente arancioneroverde, a quattro giorni dalla vittoria nei playoff, ha tenuto una lunga conferenza stampa in cui sono stati toccati i principali nodi per l’anno prossimo: gestione societaria, allenatore, squadra, stadio (sia il nuovo che il Penzo) e soci



Duncan Niederauer, presidente del Venezia, ha tenuto una lunga conferenza stampa con cui ha fatto il punto della situazione in casa arancioneroverde. L’euforia per la promozione in Serie A è altissima ma la società, come dichiarato dal numero uno del club, è al lavoro per preparare al meglio la stagione in massima serie ed evitare gli errori che due anni fa sono costati un’immediata retrocessione. 



«È stata una bellissima stagione: devo ringraziare Vanoli e tutto lo staff, i giocatori, tutti quelli che hanno lavorato per il Venezia dietro le quinte e i nuovi partner. Grazie all’impegno di tutti siamo riusciti a ottenere questo incredibile risultato. Ci tengo a ringraziare i tifosi, incredibili: se guardiamo alla situazione di 18 mesi era lontanissima da questa, probabilmente non meritavamo neanche il loro sostegno in quel momento. I risultati non erano buoni, pensate a quanta strada è stata fatta. Ci hanno sempre sostenuto e ci hanno dato una grossissima mano a raggiungere questo traguardo. Se penso alla festa di lunedì è stato a dir poco fantastico. Il momento più incredibile per me è stato quando a San Marco c’erano tantissimi bambini per foto e autografi, è molto importante per noi quanti nuovi tifosi giovani si siano avvicinati alla squadra. Ringrazio mia moglie Allison, è stata al mio fianco e della squadra veramente in ogni momento, il rapporto che abbiamo costruito con la città e i tifosi ci rende molto orgogliosi. In quattro anni le emozioni provate sono qualcosa che non avrei immaginato, dalla tristezza all’estasi. Se penso a 18 mesi fa, rischiavamo una doppia retrocessione e c’era la contestazione dei tifosi. Ho fatto parecchi errori in Serie A e nei primi mesi dell’anno dopo, me ne sono reso conto: credevo fosse giusto cambiare e bisognava affrontare la situazione. Ripensando a quello che abbiamo passato negli ultimi mesi, da dove siamo partiti e dove siamo arrivati, con una tifoseria mai così vicina, è incredibile: al fischio finale domenica sera ho abbracciato mia moglie e abbiamo pianto. Come già detto siamo più pronti rispetto a tre anni fa, saremo trasparenti con stampa e tifosi: vogliamo dimostrare di aver imparato dagli errori del passato e siamo aperti al dialogo, io e il direttore Antonelli».

Sulla squadra e Vanoli 

 
«Quello che vogliono i tifosi è la nostra identica volontà – ha aggiunto – Il nostro obiettivo è mantenere la maggior parte della squadra, vogliamo conservare il nucleo della rosa che ha ottenuto questo incredibile risultato. La squadra ha giocato con il 3-5-2 ed è stato uno dei nostri punti di forza. Parecchi giocatori hanno dei contratti con noi: Pohjanpalo, Tessmann, Busio, Altare, Joronen che ha dimostrato di essere pronto per la Serie A. La squadra è più pronta rispetto a quella di tre anni fa, questa è sicuramente un’ottima base di partenza. Riguardo all’allenatore, Vanoli ha fatto un fantastico lavoro: io, i giocatori e i tifosi vorremmo che rimanesse. La rosa era forte ma ottenere la promozione non era affatto facile. Penso che il Venezia in Serie A sia un’ottima opportunità per lui e per qualsiasi allenatore. Ha due anni di contratto con noi, sappiamo che c’è una clausola nel suo contratto e il prezzo è chiaro: è inutile parlare di contropartite tecniche e riduzioni. Io vorrei che rimanesse, noi abbiamo sempre detto la nostra idea, ora tocca a lui. Non ci ha fatto alcuna richiesta di andarsene, ci siamo sentiti in questi giorni ma abbiamo parlato dei festeggiamenti: io sarò in Italia per una settimana, può trovarmi facilmente. In società on abbiamo parlato di un nuovo allenatore, il direttore Antonelli se ne occuperà nel caso non resti Vanoli». 

COMMENTA L'ARTICOLO

Scopri di più da IL TORO SIAMO NOI

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading