L'Italia fatica più del previsto,qualche sbavatura per Buongiorno - IL TORO SIAMO NOI
L'Italia fatica più del previsto,qualche sbavatura per Buongiorno - IL TORO SIAMO NOI
L'Italia fatica più del previsto,qualche sbavatura per Buongiorno - IL TORO SIAMO NOI
L'Italia fatica più del previsto,qualche sbavatura per Buongiorno - IL TORO SIAMO NOI
L'Italia fatica più del previsto,qualche sbavatura per Buongiorno - IL TORO SIAMO NOI
L'Italia fatica più del previsto,qualche sbavatura per Buongiorno - IL TORO SIAMO NOI

L’Italia fatica più del previsto,qualche sbavatura per Buongiorno

L’Italia di Luciano Spalletti supera per 2-1 la nazionale del Venezuela, ma la fa faticando e rischiando troppo. In fase di impostazione gli azzurri regalano prima un calcio di rigore in avvio (causato da Buongiorno, ma è costretto ad un intervento così per provare a tappare una falla creata da altri), parato da Donnarumma, e poi regalano il pareggio poco prima dell’intervallo, dopo che Retegui aveva ben approfittato di uno scivolone della Vinotinto. Lo stesso attaccante del Genoa, a dieci minuti dal termine, trova poi il gol vittoria, ma considerando il livello dell’avversario, è davvero troppo poco. Qualche sbavatura per il granata ne corso dei novanta minuti, mentre Raoul Bellanova è rimasto in panchina.

ITALIA-VENEZUELA 2-1 (1-1)MARCATORI: pt 40′ Retegui; 43′ Machis; st 36′ Retegui.

ITALIA (3-4-2-1): Donnarumma; Di Lorenzo, Buongiorno, Scalvini; Cambiaso (29′ st Zaniolo), Locatelli (20′ st Jorginho), Bonaventura (1′ st Barella), Udogie; Frattesi (20′ st Pellegrini), Chiesa (20′ st Zaccagni); Retegui (42′ st Raspadori). Allenatore: Spalletti. VENEZUELA (3-4-2-1): Romo; Osorio, Angel (33′ st Makoun), Ferraresi; Aramburu (41′ st Otero), Casseres (41′ st Rincon), Martinez (33′ st Castillo), Navarro; Savarino (17′ st Pereira), Machis (17′ st Cadiz); Rondon. Allenatore: Batista.ARBITRO: Vazquez (Stati Uniti).

COMMENTA L'ARTICOLO

Scopri di più da IL TORO SIAMO NOI

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading