Okereke:"Posso dare una mano alla squadra con le mie caratteristiche" - IL TORO SIAMO NOI
Okereke:"Posso dare una mano alla squadra con le mie caratteristiche" - IL TORO SIAMO NOI
Okereke:"Posso dare una mano alla squadra con le mie caratteristiche" - IL TORO SIAMO NOI
Okereke:"Posso dare una mano alla squadra con le mie caratteristiche" - IL TORO SIAMO NOI
Okereke:"Posso dare una mano alla squadra con le mie caratteristiche" - IL TORO SIAMO NOI
Okereke:"Posso dare una mano alla squadra con le mie caratteristiche" - IL TORO SIAMO NOI

Okereke:”Posso dare una mano alla squadra con le mie caratteristiche”

Ritrovi la serie A per la terza volta. Grande opportunità.“Sono pronto a dare tutto, sono in un contesto diverso da prima”.

Le prestazioni ti permetteranno anche di tornare in Nazionale.“E’ il sogno di ogni giocatore, tanti miei connazionali hanno fatto bene in Serie A e si sono guadagnati la convocazione”.

In Belgio hai vinto tre campionati ed una Supercoppa, cosa ti porti dietro da quell’esperienza?“Quando sono arrivato in Belgio ero piccolo, e sono cresciuto lì sia come uomo che come giocatore, mi ha aiutato tanto perchè per me era una vita diversa da prima”.

Hai scalato tutte le categorie in Italia, dalla serie D alla serie A; questo ti ha aiutato?“Penso di sì, bisogna lavorare step by step. Il fatto di aver giocato in C ed in B mi è servito per sentirmi più sicuro”.

Ti piace giocare in un attacco a 2, cosa che troverai qui a Torino. Quali sono le tue caratteristiche?“Gioco in profondità, posso aiutare la squadra nei momenti difficili”.

Ti sei confrontato con qualche compagno prima di scegliere il Toro?“Ho parlato con Meite, che era più felice di me, mi ha parlato bene della piazza e dei tifosi”.

Quali sono i tuoi hobby?“Mi piace dormire, è importante prendersi cura di sè e far riposare il corpo dopo gli allenamenti e gioco alla Play e leggo ogni tanto”.

Il numero per un attaccante è importante, quale hai scelto e perchè?“Volevo il 17 o il 77, ma non c’erano. Quindi ho chiamato mio fratello più piccolo e ha scelto lui il 21”.

COMMENTA L'ARTICOLO