Un arbitro di Serie A:"Rischio concreto di falsare i campionati" - IL TORO SIAMO NOI
Un arbitro di Serie A:"Rischio concreto di falsare i campionati" - IL TORO SIAMO NOI
Un arbitro di Serie A:"Rischio concreto di falsare i campionati" - IL TORO SIAMO NOI
Un arbitro di Serie A:"Rischio concreto di falsare i campionati" - IL TORO SIAMO NOI
Un arbitro di Serie A:"Rischio concreto di falsare i campionati" - IL TORO SIAMO NOI
Un arbitro di Serie A:"Rischio concreto di falsare i campionati" - IL TORO SIAMO NOI

Un arbitro di Serie A:”Rischio concreto di falsare i campionati”

La trasmissione “Le Iene”, andata in onda ieri sera su Italia 1, ha intervistato un arbitro di Serie A attualmente in attività, che ha voluto parlare per denunciare alcune anomalie del sistema arbitrale nel nostro Paese. Il direttore di gara ha deciso di parlare in forma anonima «perché sono ancora in attività e certamente ci sarebbero ripercussioni negative nei miei confronti da parte dei vertici dell’Associazione italiana arbitri, che danneggerebbero pesantemente la mia carriera».

«Quest’anno ci sono stati tantissimi errori degli arbitri in campo e al Var che sono davvero inspiegabili, soprattutto per noi che siamo degli addetti ai lavori. Se hai delle immagini chiare davanti agli occhi e hai la possibilità di rivedere l’episodio con tante telecamere a disposizione come fai a non accorgerti dell’errore commesso dall’arbitro in campo»?

Le lotte interne all’Aia e il rischio di falsare i campionati

Secondo il direttore di gara, c’è una lotta intestina tra due fazioni di arbitri che si sfideranno alle prossime elezioni di categoria tra qualche mese e che condiziona in qualche modo il loro lavoro in campo e al Var: «Questa situazione è diventata insostenibile e sta condizionando le carriere di molti di noi. Da come viene valutato un arbitro dipende il fatto che questo continui ad arbitrare o meno. Se le valutazioni dipendono da dinamiche, diciamo politiche, allora in questo modo c’è il rischio che si falsino i campionati. Molti di noi hanno la forte sensazione che non sempre i voti, le valutazioni e le eventuali retrocessioni o dismissioni a fine anno dipendano esclusivamente dalle nostre prestazioni durante le partite. Ogni volta che un arbitro viene chiamato al Var può essere penalizzato nel voto che riceve dagli osservatori a fine partita, e se chi valuta gli arbitri sbaglia nella valutazione, siamo poi sicuri che fanno carriera solo e sempre i più bravi e che vengono retrocessi i più scarsi?».

Episodio sospetto in Frosinone-Torino

Secondo l’arbitro «le regole sono certe, ma l’intervento del Var non segue delle logiche definite. Torino-Frosinone, Coppa Italia. Si verifica una situazione per cui viene concesso inizialmente un calcio di rigore a favore del Torino, ma, successivamente, a seguito dell’intervento da parte del Var, questo calcio di rigore viene revocato. Anche qui le immagini parlano chiaro. C’è un elemento oggettivo per revocare la decisione presa in campo del calcio di rigore? No, in quanto c’è un elemento oggettivo che dice esattamente il contrario, cioè un calcio da parte del difensore che prende solo l’attaccante, prende solo il collo del piede, il collo della gamba dell’attaccante, non prende mai il pallone, il pallone viene spostato in maniera chiara da parte dell’attaccante che poi cade a terra a seguito del colpo ricevuto dal difendente. In questo caso il Var non avrebbe mai dovuto effettuare l’intervento e doveva chiaramente astenersi, ma ha costretto l’arbitro ad andare al monitor, a rivedere le immagini e l’ha indotto a revocare la decisione presa correttamente in campo».

COMMENTA L'ARTICOLO