Aia: Rocchi nuovo designatore arbitrale,sostituito Rizzoli

Manca solo l’ufficialità, ma nei prossimi giorni Nicola Rizzoli dovrebbe fare spazio a Gianluca Rocchi per quanto riguarda il ruolo di designatore arbitrale. Lo scrive La Gazzetta dello Sport, spiegando che Alfredo Trentalange, presidente Aia, sta prendendo tempo per mettere insieme i tasselli di un puzzle complicato.

Bocciata l’ipotesi del doppio designatore, con un supervisore politico, si è arrivati a decidere per una figura unica e nuova. In molti ritenevano che, viste le tante personalità forti sulle panchine delle big, fosse un’idea saggia ripartire dal tandem Rizzoli (designatore)-Rocchi (responsabile Var), per un passaggio di consegne più soft a fine anno.

Ma evidentemente la necessità di voler evidenziare un cambio anche di gestione rispetto al passato ha reso sempre più difficile la conferma del designatore bolognese, nonostante i giudizi positivi nei suoi confronti per la gestione dell’inizio dell’era Var e del lancio di nuovi arbitri per un difficile ricambio generazionale.

Il testimone di designatore passerà così a Gianluca Rocchi, nato a Firenze, 48 anni il 25 agosto, che quest’anno ha ricoperto il ruolo di consulente delle relazioni istituzionali della Can, in materia di Var. È stato una specie di ambasciatore nei club e nei ritiri delle squadre per spiegare le nuove regole.

Un ruolo lo avrà quasi ertamente anche Domenico Messina, ex designatore prima di Rizzoli. Trentalange aveva pensato a lui anche come nuovo designatore, ma un cambio per essere accettato dalla FIGC aveva bisogno di un volto nuovo, quello di Rocchi appunto. Messina metterà probabilmente la sua esperienza al servizio dello stesso Rocchi, ma bisognerà capire con quale ruolo.