Toro-Genoa: la pagella granata - IL TORO SIAMO NOI
Toro-Genoa: la pagella granata - IL TORO SIAMO NOI
Toro-Genoa: la pagella granata - IL TORO SIAMO NOI
Toro-Genoa: la pagella granata - IL TORO SIAMO NOI
Toro-Genoa: la pagella granata - IL TORO SIAMO NOI
Toro-Genoa: la pagella granata - IL TORO SIAMO NOI

Toro-Genoa: la pagella granata

Il Torino travolge con un netto 3-0 il Genoa, grazie alle reti di Bremer, Lukic e Belotti, conquistando tre punti fondamentali per la lotta salvezza. I granata con questa vittoria salgono a +8 sul Lecce, col Genoa che invece resta a +1 con lo scontro diretto nel prossimo turno.

Sirigu 6,5 -Decisivo su Pinamonti ad inizio gara. Viene chiamato in causa anche da Schone ad inizio ripresa, rispondendo sempre presente.null

Lyanco 6 – Mai in difficoltà nel contenere uno spento Sanabria. Sostituito dopo l’ammonizione, per non rischiare di restare in inferiorità numerica.

Izzo 6 – Parte, un po’ a sorpresa, dalla panchina e viene gettato nella mischia per evitare un eventuale rosso a Lyanco.

Nkoulou 6,5 – Partita da vero leader difensivo. Bravo nei raddoppi e nei duelli uno contro uno con gli attaccanti avversari.

Bremer 6,5 – Ha sulla testa le migliori occasioni del primo tempo. Prima, spreca mettendo a lato da ottima posizione, poi salta più in alto di tutti e trova il vantaggio.

De Silvestri 6 – Partita con pochi spunti e un ottimo lavoro difensivo. È uno dei sempre presenti di Longo, finisce stremato dopo alcune diagonali in copertura.

Meitè 6,5 – Grande apporto fisico in aiuto alla difesa. Si sacrifica su Iago e Schone che si muovono tra le linee, cercando di limitarne la libertà.

Rincon 6 – Come per Meitè, partita di contrasti e sforzo fisico in protezione alla difesa, soprattutto dopo il vantaggio granata.

Ansaldi 6 – La condizione non è ancora delle migliori, ma ha la qualità e il carattere che serve in queste partite alla squadra granata.

Aina 6 – Prende il posto di Ansaldi per dare maggior energia e freschezza sulla corsia.

Verdi 6 – Pochi spunti, ma da palla ferma è sempre pericoloso sia col mancino che col destro, e proprio da un suo corner arrivo il goal del 1-0.

Lukic 6,5 – In una ventina di minuti a disposizione, riesce a farsi trovare nel posto giusto per ricevere l’assist di Belotti e trovare il 2-0 con un perfetto destro a giro.

Zaza 5,5 – Tanta voglia di fare come sempre, ma come spesso gli accade, la sua voglia non si trasforma in situazioni e giocate utili per la squadra.

Belotti 7,5 – Fa reparto da solo, giocando anche da centrocampista aggiunto. Partita straordinaria impreziosita da un assist da grande attaccante, e un goal, il settimo consecutivo, con un mancino imprendibile, scagliato dopo 90 minuti di corsa, da fuori area.

Singo sv.