Gramellini:”Mi basterebbe un derby da Toro…”

Massimo Gramellini, noto tifoso del Torino, è stato intervistato da La Gazzetta dello Sport in avvicinamento al Derby della Mole.

INCUBO DI SEMPRE – «Michel Platini. Dopo una sua doppietta in un derby, mi misi a letto con la febbre a 39. Non credo di essere ancora guarito del tutto».

MODELLI DA UNA PARTE E DALL’ALTRA – «Tra i granata Claudio Sala, il nostro CS7, che seminava il panico tra i difensori della Juve con Claudio Gentile aggrappato ai suoi pantaloncini come una zavorra. Per la Juve, Marco Tardelli. Che giocatore formidabile. Grinta, carattere, tecnica, bravissimo a difendere e ad attaccare. Uno juventino con la faccia da Toro».

JUVE-TORINO MISSION IMPOSSIBILE? – «E non vedo nessun Tom Cruise, purtroppo. Mi accontenterei che il Toro lottasse con coraggio, agonismo e ferocia. Un derby da Toro. Ma quanti di loro sanno cosa vuol dire? Spero che Longo e Asta abbiano tenuto un corso accelerato».

SOGNO – «Ottantottesimo minuto: entra Millico, prende palla sulla tre quarti, si accentra alla sua maniera e spara un bolide all’incrocio sotto la traversa. Uno a zero per noi. C’è ancora tempo per fischiare un paio di rigori alla Juve, ma Sirigu li para entrambi».

UN AVVERSARIO DA TOGLIERE – «Dybala. Certe volte sembra Platini, e la febbre mi risale».

COMMENTA L'ARTICOLO