Emergenza Coronavirus:”Alla Fiorentina 8-10 casi positivi”

Emergenza Coronavirus:”Alla Fiorentina 8-10 casi positivi”

Il presidente della Fiorentina Rocco Commisso ha fatto il punto della situazione in casa viola, sull’emergenza Coronavirus. Il patron della società toscana, ai microfoni di Sky Sport, ha evidenziato che sono 8-10 i tesserati positivi al COVID-19, con tre di questi che sono finiti in ospedale. Tra loro dovrebbe esserci anche il medico della squadra Luca Pengue. Nessuna novità invece sui calciatori Vlahovic, Cutrone e Pezzella, dopo la notizia relativa alla positività ai test dei giorni scorsi.


Non è uno che è abituato a giri di parole Rocco Commisso. Il patron della Fiorentina ha parlato dei tesserati della Fiorentina contagiati da Coronavirus, fotografando la situazione attuale: “Abbiamo tre membri del personale in ospedale e altri che sono contaminati e restano a casa, per un totale di 8-10 casi positivi. Ho parlato con (allenatore Beppe) Iachini, Barone, con i ragazzi che hanno catturato il virus e tutti i giocatori. Sanno che sono al loro fianco e se dipendesse da me, sarei già a Firenze per sostenerli, ma sfortunatamente non mi è permesso viaggiare”. L’imprenditore ha preferito non dare ulteriori indicazioni, e non parlare delle condizioni dei tre calciatori Vlahovic, Cutrone e Pezzella, risultati positivi ai test nei giorni scorsi.



Commisso e la Fiorentina si sono contraddistinti anche per una raccolta fondi, per aiutare tutti coloro che stanno combattendo in prima linea contro il Coronavirus. Il presidente ha spiegato: “L’unica cosa che possiamo fare è aiutare coloro che sono in prima linea. In 24 ore abbiamo raccolto circa 420.000 euro. Voglio ringraziare Franck Ribery per la sua donazione (50.ooo euro).  Ci sentiamo entrambi a casa a Firenze, dato che la gente qui ci ha dato un così caloroso benvenuto. La situazione in America non è grave come in Italia, ma sono stata chiuso a casa mia negli ultimi cinque giorni con mia moglie e mia figlia. Joe Barone e mio figlio Giuseppe sono rintanati nel loro hotel”.


COMMENTA L'ARTICOLO