Platini: la FIFA batte cassa,rivuole milioni di franchi


La Corte europea dei diritti umani ha dichiarato il ricorso di Michel Platini contro le pene decise dalla giustizia sportiva «inammissibile». Nel rigettare all’unanimità il ricorso, i togati di Strasburgo affermano che «vista la gravità dei fatti contestatigli, la posizione di responsabilità che Platini ricopriva negli organismi sportivi e la necessità di restaurare la reputazione del calcio e della Fifa, la sanzione impostagli (otto anni poi ridotti a 4), non appare essere stata «eccessiva o arbitraria» ed è dunque «giustificata».

La Fifa richiede indietro a Platini i due milioni di franchi svizzeri «indebitamente versati dal presidente Joseph Blatter a febbraio del 2011»: lo precisa la confederazione mondiale del calcio nel prendere atto «della decisione della Corte europea dei diritti umani di Strasburgo di rigettare l’appello di Platini» contro la squalifica per quel pagamento. La Corte ha ritenuto infondato il ricorso dell’ex presidente Uefa e «giustificata» la squalifica inflitta dal Comitato etico Fifa e confermata dal Tas e dal tribunale federale svizzero. «La Fifa – conclude il comunicato – continuerà a chiedere la restituzione di quella somma».


COMMENTA L'ARTICOLO