“Fermiamo questa pagliacciata”: l’ira degli interisti


GliHashtag #CampionatoFalsato e #FermiamoStaPagliacciata sono entrati in tendenza su Twitter. A spingerli sono soprattutto i tifosi dell’Inter, sul piede di guerra per la decisione di rinviare al 13 maggio la sfida scudetto contro la Juventus invece che disputarla domani a porte chiuse.

I sostenitori nerazzurri, tra le altre cose, sottolineano con toni piuttosto accesi la congestione del calendario della squadra di Conte, chiamata già a recuperare la gara contro la Sampdoria a data da destinarsi. Se l’Inter, infatti, dovesse raggiungere sia la finale di Europa League che quella di Coppa Italia si troverebbe poi a giocare in media ogni tre giorni – ben otto partite dal 3 al 27 maggio – oltre a non avere uno slot a disposizione per inserire la sfida contro la Sampdoria.

Il rinvio di cinque partite della ventiseiesima giornata di Serie A per l’allarme coronavirus fa scoppiare la polemica. Durissime in tal senso le parole di Fabio Liverani.

Il tecnico del Lecce, durante la conferenza della vigilia prima della gara contro l’Atalanta, non ha usato mezzi termini per commentare quanto successo facendo riferimenti piuttosto espliciti.

“Come al solito in Italia si prendono alcune decisioni senza senso e senza logica, ci riporta alla luce il lato oscuro del calcio che abbiamo provato a ripulire. Una decisione del genere tutela solo quelle quattro-cinque squadre che hanno degli interessi”.

Il tutto mentre i tifosi dell’Atalanta, che in gran parte provengono dalla Lombardia, avranno libero accesso allo stadio di Lecce.

“Ecco, io non riesco a dare una linearità alle decisioni che sono state prese. Non riesco a dire la mia. Le regole dovrebbero essere uguali per tutti, ma mi astengo dal commentare ulteriormente altrimenti qualche permaloso potrebbe lamentarsi”.


COMMENTA L'ARTICOLO