La protesta:”Calciopoli…ci risiamo?”


La Serie A sta subendo continue variazioni per quanto riguarda date e recuperi. La squadra più penalizzata in questo senso è l’Inter, che domani avrebbe dovuto giocare contro la Juventus e ora rimasta con due partite in meno e con il calendario praticamente ingolfato da Coppa Italia ed Europa League. In piena lotta scudetto e con la squadra di Conte indietro di qualche punto, i sostenitori nerazzurri non ci stanno e si muovono. Il cuore del tifo interista è arrivato fin sotto la sede della Lega Calcio in via Rosellini, esponendo uno striscione dai toni molto forti: “Calciopoli…ci risiamo?”

Inoltre, la stessa Nord ha pubblicato un comunicato sui social: “CI RISIAMO? Speriamo proprio di no ma se non si interviene subito le sacrosante condanne ricevute in tutti i gradi di giudizio e trasformate progressivamente in vittimismo giudiziario da chi controlla giornali e tv potrebbero costare molto a tutto il panorama calcistico nazionale. Gli spettri del passato paiono proprio riaffacciarsi con prepotenza se per tutelare degli interessi meramente economici della “solita parte” l’Inter si è fatta apparentemente trovare nuovamente impreparata”.



La protesta dei tifosi interisti è forte: “Come detto dal nostro allenatore questi giorni avrebbero dovuto definire le nostre aspettative e ridisegnare i nostri obiettivi ma davanti a chi ha ancora i mezzi per dettare la propria legge al di fuori del campo ci pare quantomeno improbabile pensare ai risultati sportivi – continua la nota -. Il nostro auspicio è che la nostra società sappia farsi sentire nelle opportune sedi per garantire quantomeno un equo svolgimento di un campionato che vorremmo ancora credere regolare. Avanti Inter, mai un passo indietro!”

COMMENTA L'ARTICOLO