Parigini spiega l’addio al Toro

Protagonista delle ultime ore di calciomercato, Vittorio Parigini è stato presentato questa mattina come nuovo calciatore della Cremonese. Il laterale è stato ceduto dal Torino al Genoa e poi è stato girato in prestito al club grigiorosso per la seconda parte di stagione. “Una volta completato il passaggio dal Toro al Genoa ho saputo dell’ipotesi Cremona – spiega – ed ho subito accettato. Volevo rimettermi in gioco subito dopo tanti mesi fermo ai box. A Genoa avrei avuto probabilmente poco spazio e così ho puntato tutto su una società come la Cremonese che mi ha fortemente voluto”.

Come spiega l’addio al Toro?

Dopo aver fatto tutta la trafila nel settore giovanile granata è stata una scelta difficile. Il rinnovo non è arrivato, per motivi tecnici e non economici, e così ho scelto di andare via. Mi è dispiaciuto molto salutare il Torino e ho ricevuto tante dimostrazioni d’affetto, ma era la scelta giusta da fare”.

Come sta fisicamente?
“Bene. L’infortunio della scorsa estate è alle spalle e se non ho giocato nella prima parte di stagione è stato a causa della trattativa per il rinnovo di contratto e non per questioni fisiche. Ovviamente adesso non ho il ritmo partita nelle gambe, ma darò sempre il massimo per la squadra. Anche per 10′”.



È stato pesante il cambio di categoria?
“Assolutamente no. Ho scelto la Serie B e Cremona per rimettermi in gioco, in condizione, con una squadra che ha valori tecnici per fare un finale di stagione di alto livello”.

La Cremonese che però non sta vivendo un momento felicissimo
“Spesso dipende solo da una mancanza di fiducia nei propri mezzi. I risultati che non arrivano incidono sul morale. In Serie A ho capito che l’unica via per uscire da una situazione del genere è il lavoro, l’impegno ogni giorno maggiore rispetto a quello precedente. Solo così si ritrova la serenità”.

COMMENTA L'ARTICOLO