Ungheria o Albania,se sarà Europa League si partirà di lì - IL TORO SIAMO NOI
Ungheria o Albania,se sarà Europa League si partirà di lì - IL TORO SIAMO NOI
Ungheria o Albania,se sarà Europa League si partirà di lì - IL TORO SIAMO NOI
Ungheria o Albania,se sarà Europa League si partirà di lì - IL TORO SIAMO NOI
Ungheria o Albania,se sarà Europa League si partirà di lì - IL TORO SIAMO NOI

Ungheria o Albania,se sarà Europa League si partirà di lì


La lunga attesa sta per terminare e oggi il Toro saprà se l’Europa League sarà ancora un sogno da rincorrere o una vicinissima realtà. Se l’Uefa, come appare sempre più probabile, deciderà di escludere il Milan dalle coppe, i granata dovranno scendere in campo già il 25 luglio per i preliminari di Europa League. La Roma sorteggiata ieri a Nyon per le prime gare verrebbe quindi sostituita automaticamente dal Toro, mentre i capitolini accederebbero direttamente alla fase a girone. Intanto però l’urna ha accoppiato i giallorossi alla vincente della sfida tra Debrecen e Kukesi, che sarebbe eventualmente l’avversaria dei granata. Gara d’andata il 25 luglio in Italia, il ritorno sette giorni dopo in Ungheria o Albania.

Favorita della sfida è il Debrecen, squadra dell’omonima città ungherese a 50 km dal confine con la Romania e seconda solo a Budapest per popolazione. I rossi di Debrecen hanno concluso il campionato al terzo posto alle spalle di Farencvaros e Vidi, guadagnandosi l’ultimo posto per le coppe europee. Il Kukesi è l’espressione della piccola città di Kukes, meno di 50 mila abitanti al confine con il Kosovo. Negli ultimi anni i biancoblu sono una delle più piacevoli realtà del calcio albanese, partecipando diverse volte ai preliminari delle coppe europee, vincendo il primo e unico titolo nazionale nel 2016. Nell’ultimo campionato hanno chiuso al secondo posto, vincendo però la coppa d’Albania.

Avversari assolutamente alla portata del Toro, ma da non sottovalutare. Rispetto al’esperienza di cinque ani fa, i granata dovranno inoltre affrontare un turno in più, tre e non due, per guadagnarsi l’accesso alla fase ai gironi. Un percorso non semplice, che prima però deve attendere il via libera dell’Uefa, che potrebbe finalmente arrivare nella giornata di oggi.