Europeo U21:Italia ko,si complica il cammino


Si complica il cammino dell’Italia di Di Biagio, che perde 1-0 a Bologna contro la Polonia nella seconda giornata della fase a gironi degli Europei Under 21.

Dopo l’esaltante vittoria in rimonta contro la Spagna il ct azzurro, come annunciato alla vigilia, cambia quattro uomini rispetto all’undici titolare dell’esordio, con Cutrone e Orsolini al posto di Kean e Zaniolo nel tridente completato dall’inamovibile Chiesa.

L’Italia spinge sin dai primi minuti, cerca di chiudere la Polonia nella propria metacampo e sfiora il vantaggio alla mezzora proprio con Chiesa, il più in palla, che da pochi passi non riesce però a infilare Grabara, bravo a chiudere lo specchio della porta al talento della Fiorentina. Clamorosa è invece la palla-goal sciupata al 31’ da Mandragora, che all’altezza del dischetto non riesce a colpire nel migliore dei modi il pallone al bacio servito ancora da Chiesa e ne vien fuori un tiro strozzato che si spegne a lato.

La gara si accende nei minuti finali del primo tempo: al 40’ passa avanti a sorpresa la Polonia, con la girata di Bielik (già a segno contro il Belgio) sugli sviluppi di un calcio di punizione assegnato dall’arbitro Kulbakov per un’entrata fuori tempo di Barella. Gli azzurrini reagiscono subito e trovano il pareggio con un bell’assolo di Orsolini, cancellato però dal VAR perché viziato dalla posizione di fuorigioco di partenza dell’ala del Bologna.

Di Biagio si gioca allora subito la carta Kean nella ripresa, proprio al posto di Orsolini, e inserisce anche Tonali al posto di Mandragora per dare maggior qualità alla manovra. E’ lo juventino a suonare la carica, con un paio di spunti di grande caparbietà. Al 75’ l’Italia sfiora il pareggio con un missile di Pellegrini che si infrange sul palo, prima di protestare con veemenza per un contatto sospetto in area tra Cutrone e Bielik. Di Biagio tenta il tutto per tutto inserendo anche Zaniolo ma la difesa polacca non si lascia scalfire.

Finisce 1-0 per la Polonia, risultato che rimanda ogni discorso qualificazione all’ultima giornata: all’Italia servirà una vittoria a Reggio Emilia contro il Belgio, con un occhio a Spagna-Polonia.

ITALIA (4-3-3): Meret 5,5; Adjapong 5 (80′ Zaniolo 4,5), Mancini 6, Bastoni, 6,5 Dimarco 5,5; Barella 5,5, Mandragora 5,5 (56′ Tonali 6), Lo. Pellegrini 6,5; Orsolini 6,5 (46′ Kean 6), Cutrone 5, Chiesa 6,5. Ct: Di Biagio.

POLONIA (4-5-1): Grabara 6; Fila 5,5, Wieteska 6,5, Bielik 7, Bochniewicz 6,5, Pestka 5,5; Jagiello 6 (54′ Michalak 6), Dziczek 6, Zurkowski 6,5, Szymanski 6,5; Kownacki 5,5 (76′ Buksa 6), Ct. Michniewicz.


Annunci

COMMENTA L'ARTICOLO