Rifiutata dal Toro maxi-offerta per Belotti dell'ultima ora - IL TORO SIAMO NOI
Rifiutata dal Toro maxi-offerta per Belotti dell'ultima ora - IL TORO SIAMO NOI
Rifiutata dal Toro maxi-offerta per Belotti dell'ultima ora - IL TORO SIAMO NOI
Rifiutata dal Toro maxi-offerta per Belotti dell'ultima ora - IL TORO SIAMO NOI
Rifiutata dal Toro maxi-offerta per Belotti dell'ultima ora - IL TORO SIAMO NOI

Rifiutata dal Toro maxi-offerta per Belotti dell’ultima ora


In casa Torino, in queste ultime ore di calciomercato, è arrivata un’offerta. L’oggetto? Il cartellino di Andrea Belotti. Già, sull’attaccante granata è piombato il Dalian Yifang, club della Chinese Super League. La proposta non è stata banale, ma di quelle che raggiungono i 50 milioni di euro. Tuttavia Cairo, dopo un colloquio con il classe 1993, ha rifiutato l’offerta. Belotti e il Torino, infatti, vogliono continuare insieme, almeno fino alla fine della stagione. Troppo importante il Gallo per l’undici di Mazzarri, con l’attaccante che è a quota sette gol in 21 giornate. Insomma, gran parte delle ambizioni europee della squadra granata passano dalle reti del proprio capitano, che a sua volta non vuole lasciare a stagione in corso. No di club e giocatore ai soldi cinesi, dunque. Il Dalian Yifang, che tra l’altro è la squadra dove gioca Carrasco, ci aveva provato anche per Immobile, ricevendo un rifiuto secco da parte della Lazio. Dalla Cina con furore, ma l’Italia non si fa ipnotizzare dalle offerte da capogiro.

Il Torino torna a ricevere offerte per Belotti quindi. Come nell’estate del 2017 quando – dopo una stagione da 26 gol in Serie A – il Milan provò a mettere la ciliegina su un mercato da grande provandoci anche per l’attaccante granata. Ma anche in quel caso Cairo riuscì a fare muro e a trattenere il proprio bomber. La stagione seguente non è stata poi delle più entusiasmanti. Solo 13 gol in campionato, complice anche un infortunio al ginocchio che ne complicò l’annata. Dopo un inizio piuttosto difficile, Belotti sembra essere ora sulla buona strada, come dimostrano i cinque gol segnati nelle ultime undici giornate. Insomma, per il Torino il proprio capitano resta fondamentale. Per il giocatore Torino resta la propria casa. La Cina può aspettare quindi, almeno fino a giugno.

Fonte sky sport