Lecce-Toro: la pagella granata - IL TORO SIAMO NOI
Lecce-Toro: la pagella granata - IL TORO SIAMO NOI
Lecce-Toro: la pagella granata - IL TORO SIAMO NOI
Lecce-Toro: la pagella granata - IL TORO SIAMO NOI
Lecce-Toro: la pagella granata - IL TORO SIAMO NOI
Lecce-Toro: la pagella granata - IL TORO SIAMO NOI

Lecce-Toro: la pagella granata

Milinkovic-Savic 6,5: attento in più di un’occasione sulle avanzate del Lecce, meno preciso con il pallone tra i piedi.

Vojvoda 6,5: contiene bene Banda, inducendolo spesso all’errore.

Buongiorno 7: torna dall’inizio e trova subito il gol, il secondo in stagione. In generale, è il vero leader di questo Torino.

Rodriguez 5,5: fatica a contenere la velocità di Almqvist, soprattutto nella prima frazione. Nel secondo tempo torna in controllo.

Bellanova 5,5: tante accelerazioni, in entrambe le fasi. Come al solito, però, gli manca il guizzo finale (dal 96′ Zima sv)

Linetty 7: è il giocatore più esperto del centrocampo e si vede. Gestisce il pallone con dinamismo e precisione.

Ricci 6,5: copre il campo in maniera totale, cercando di creare gioco con i suoi inserimenti tra le linee (dall’82’ Tameze sv)

Gineitis 6,5: subito un giallo evitabile, poi tanta corsa e inserimenti pericolosi. Nel complesso, prestazione più che positiva (dall’82’ Ilic sv)

Lazaro 5,5: le sovrapposizioni di Gineitis gli lasciano spazi sfruttabili, in cui però manca spesso di precisione. Nei minuti finali si divora la rete che avrebbe chiuso la partita.

Sanabria 6: buona prova dell’attaccante paraguaiano, in cui gli manca il gol ma compensa con un lodevole spirito di sacrificio.

Pellegri 6: lotta e sgomita, guadagnandosi qualche punizione interessante (dal 64′ Zapata S.V.: non stava benissimo, ma fin da subito si mette a servizio della squadra recuperando palloni importanti).

All. Juric 6: nella prima frazione la sua squadra fatica a trovare spazi da attaccare, mostrando un giropalla lento e poche iniziative per accendere la gara. Con il passare dei minuti, e il gol del vantaggio, si aprono gli spazi e i suoi ragazzi riescono a controllare di più la gara. Peccato per il cartellino rosso preso negli istanti finali.

COMMENTA L'ARTICOLO