Toro-Lazio: probabili formazioni - IL TORO SIAMO NOI
Toro-Lazio: probabili formazioni - IL TORO SIAMO NOI
Toro-Lazio: probabili formazioni - IL TORO SIAMO NOI
Toro-Lazio: probabili formazioni - IL TORO SIAMO NOI
Toro-Lazio: probabili formazioni - IL TORO SIAMO NOI

Toro-Lazio: probabili formazioni

Prima giornata di Serie A positiva sia per il Torino che per la Lazio, entrambe vittoriose all’esordio con lo stesso punteggio (2-1) e attese dal confronto valido per il secondo turno del massimo campionato.

I granata hanno superato la resistenza del neopromosso Monza: di Miranchuk Sanabria le reti della squadra di Juric, colpita nel finale dall’inutile sigillo di Mota Carvalho che ha soltanto accorciato le distanze.

Più sofferti del previsto i tre punti conquistati dalla Lazio sul Bologna: dopo l’espulsione di Maximiano, i biancocelesti hanno subìto lo svantaggio su rigore trasformato da Arnautovic, per poi rimontare grazie all’autogoal di De Silvestri e allo spunto di capitan Immobile, sempre più nella storia del club.

Due pareggi per 1-1 nei confronti andati in scena nella passata stagione, col solito Immobile ad evitare la sconfitta per i ragazzi di Sarri: decisivo il bomber campano nei minuti di recupero sia all’Olimpico che in trasferta in Piemonte.

PROBABILI FORMAZIONI TORINO-LAZIO

Juric deve fare a meno di Miranchuk, vittima di una lesione tra primo e secondo grado del bicipite femorale della coscia destra: spazio a Linetty in tandem con Radonjic alle spalle della punta Sanabria. Torna Buongiorno tra i tre di difesa, Zima ko.

Sarri potrebbe confermare Patric e Basic dal 1′. Tra i pali Provedel, vista la squalifica di Maximiano, con Immobile a guidare il tridente offensivo completato da Felipe Anderson e Zaccagni. Ancora out Pedro. Rientra a disposizione Casale.

TORINO (3-4-2-1): Milinkovic-Savic; Djidji, Buongiorno, Rodriguez; Singo, Lukic, Ricci, Aina; Linetty, Radonjic; Sanabria.

LAZIO (4-3-3): Provedel; Lazzari, Patric, Romagnoli, Marusic; Milinkovic-Savic, Cataldi, Basic; Felipe Anderson, Immobile, Zaccagni.

COMMENTA L'ARTICOLO