Vagnati:"Sul mercato abbiamo fatto quello che volevamo" - IL TORO SIAMO NOI
Vagnati:"Sul mercato abbiamo fatto quello che volevamo" - IL TORO SIAMO NOI
Vagnati:"Sul mercato abbiamo fatto quello che volevamo" - IL TORO SIAMO NOI
Vagnati:"Sul mercato abbiamo fatto quello che volevamo" - IL TORO SIAMO NOI
Vagnati:"Sul mercato abbiamo fatto quello che volevamo" - IL TORO SIAMO NOI

Vagnati:”Sul mercato abbiamo fatto quello che volevamo”

Davide Vagnati ha parlato a Sky sulle mosse del mercato del Toro.

“Le scelte spettano all’allenatore. E’ il suo regno ed è molto bravo a farle. Quindi ovviamente la scelta di oggi è solo ed esclusivamente una scelta dell’allenatore. Poi per quanto riguarda il discorso Lukic è un giocatore sicuramente importante, l’ha dimostrato e adesso è il momento di tornare a fare quello che ha sempre fatto. Vedremo”.

“Conta il campo alla fine. Adesso abbiamo fatto quello che volevamo fare. Effettivamente abbiamo fatto quello che avevamo pensato. Alla fine i nomi sono importanti. Son tutti ragazzi che son venuti con veramente tanto entusiasmo e sono molto contento per questo perché penso che bisogna portare gente che ha voglia, che ha voglia di migliorarsi per portare il Torino a uno step superiore. Se succederà dipenderà molto dal campo. Ci sono tante varabili. Quindi vediamo cosa succede, ma in questo momento siamo molto ottimisti”.


“Per Schuurs e’ stata una trattativa molto lunga e diciamo che abbiamo avuto la costanza, l’abnegazione di inseguire questo ragazzo da un po’. Abbiamo fatto tanti viaggi,abbiamo parlato tanto. L’Ajax è sicuramente un club importante. Il ragazzo voleva venire al Torino e alla fine ce l’abbiamo fatta e l’abbiamo portato a Torino”. E cosa manca al Toro sul mercato? “Manca fare dei punti e cercare di portare il Torino più in alto possibile.Onestamente credo sia anche il momento di fare qualche uscita. Di qualche ragazzo che è qua e non ha spazio. Poi se ci fosse la possibilità di poter metter dentro qualcosa lo faremo”.



Sulla litiga con Juric:”L’abbiamo detto, ne abbiamo già parlato tanto. Siamo tutti e due qua per cercare di fare qualcosa di buono per questa società che ha una grande storia e ci teniamo tanto tutti e due. Questa è la cosa che conta di più”.

Sulla questione Belotti:“No, da un lato mi sorprende perché è ovvio che mi sorprende. Dall’altra parte penso che molti calciatori debbano fare un attimino mente locale di quello che è il momento attuale di difficoltà generale ed economica nel calcio e chi ha un contratto e che è in una società seria ed importante deve tutelarlo il proprio contratto e cercare di fare con la massima professionalità e quello che comunque è il loro lavoro. Probabilmente quando è troppo tardi i calciatori lo capiscono. Io vorrei lanciare questo messaggio perché è una cosa che credo fortemente”.

COMMENTA L'ARTICOLO