Rcs: giudice si riserva di decidere su ricorso 'lodo Solferino' contro Blackstone - IL TORO SIAMO NOI
Rcs: giudice si riserva di decidere su ricorso 'lodo Solferino' contro Blackstone - IL TORO SIAMO NOI
Rcs: giudice si riserva di decidere su ricorso 'lodo Solferino' contro Blackstone - IL TORO SIAMO NOI
Rcs: giudice si riserva di decidere su ricorso 'lodo Solferino' contro Blackstone - IL TORO SIAMO NOI
Rcs: giudice si riserva di decidere su ricorso 'lodo Solferino' contro Blackstone - IL TORO SIAMO NOI

Rcs: giudice si riserva di decidere su ricorso ‘lodo Solferino’ contro Blackstone

Il collegio della Prima sezione civile della Corte d’Appello di Milano, presieduto dal giudice Carla Romana Raineri, si e’ riservato di decidere, al termine dell’udienza tenuta ieri, sul ricorso promosso da Rcs contro l’esito del lodo arbitrale relativo alla vicenda della vendita dell’immobile di via Solferino, storica sede del quotidiano Corriere della Sera, al fondo Blackstone, avvenuta nel 2013 per circa 120 milioni di euro (sede poi riaffittata dalla stessa Rcs). E’ quanto si apprende da fonti legali.

A maggio del 2021, il lodo definitivo della Camera arbitrale di Milano non aveva accolto le domande risarcitorie di Rcs, che chiedeva l’annullamento della vendita, avvenuta – questa la tesi dei legali del gruppo editoriale – a un prezzo inferiore a quello congruo a causa delle difficolta’ finanziarie della societa’. Ma il lodo definitivo, invece, aveva stabilito che Rcs avesse deciso di cedere gli immobili di via Solferino per motivi ‘gestionali’ e non perche’ si trovasse nelle condizioni di dover vendere ‘a ogni costo’, non ravvisando il reato di usura e facendo cosi’ decadere tutte le richieste di risarcimento. Da qui la successiva decisione del gruppo editoriale, guidato da Urbano Cairo, di ricorrere alla Corte d’Appello milanese per impugnare il lodo arbitrale.

Nell’attesa, gli occhi restano puntati anche sulla Suprema Corte di New York dove c’e’ la causa risarcitoria, intentata questa volta dal fondo Blackstone contro Rcs e Cairo per 600 milioni di dollari (300 milioni per la mancata rivendita del complesso immobiliare ad Allianz Real Estate a causa, secondo gli avvocati del fondo, dell”interferenza’ esercitata da Rcs, e altri 300 milioni di relativi danni).

Fonte Il Sole 24 ore