Un Toro inguardabile si arrende subito ad un Milan incerottato - IL TORO SIAMO NOI
Un Toro inguardabile si arrende subito ad un Milan incerottato - IL TORO SIAMO NOI

Un Toro inguardabile si arrende subito ad un Milan incerottato

Milan-Torino 2-0 nella 17a giornata del campionato di Serie A 2020/21. Due cambi per Pioli rispetto alla sconfitta di mercoledì contro la Juventus, con Tonali che rientra a centrocampo e permette a Calabria di tornare sulla fascia con Dalot in panchina e Brahim Diaz trequartista al posto dell’infortunato Calhanoglu. Due variazioni anche per Giampaolo dopo l’1-1 interno contro il Verona, con Rodriguez e Verdi al posto di Murru e Linetty. 

Al 2′ Sirigu si prende un rischio rinviando addosso a Castillejo ma la sfera dopo un rimpallo finisce fuori. Dopo una sterile pressione iniziale il Milan passa in vantaggio, percussione di Theo Hernandez che serve Brahim Diaz il quale imbuca centralmente per Leao che si infila fra le maglie della difesa del Torino molto lenta nell’occasione e batte Sirigu in uscita. Al 35′ rigore per il Milan conquistato da Brahim Diaz che viene fermato irregolarmente da Belotti, penalty concesso dopo review VAR. Un minuto dopo Kessié lo trasforma spiazzando Sirigu. Al 43′ traversa di Rodriguez su calcio di punizione. Al 48′ gran parata di Sirigu su tiro da buona posizione di Kessié. 

Al 50′ l’arbitro fischia un rigore per il Torino, Belotti serve Verdi in area che va giù dopo contatto con Tonali. Maresca viene richiamato al VAR e dopo lunga review cambia decisione e fischia punizione a favore dei rossoneri mentre a seguito dello scontro Tonali è costretto a uscire in barella. Al 72′ colpo di testa di Belotti su angolo troppo centrale. Al 91′ grande riflesso di Donnarumma su un tiro deviato, il portiere del Milan riesce a prenderlo nonostante fosse controtempo. Al 95′ Kessié impedisce la conclusione da centro area a Verdi. 


Un primo tempo inguardabile e rinunciatario è costato al Torino una sconfitta sul campo della capolista Milan, che dopo il ko contro la Juventus ha ripreso il suo cammino verso la lotta al titolo. Non fa tanto rumore il risultato, quanto il modo in cui si è presentato: nel primo tempo la squadra di Marco Giampaolo è entrata in campo al solo scopo di difendersi, con tutti gli effettivi, trovando spesso in Verdi e Belotti gli uomini destinati a interrompere le offensive dei padroni di casa. Un atteggiamento che non poteva avere esiti differenti, e così il Milan si è trovato all’intervallo avanti di due reti, con il Toro che nonostante tutto è riuscito a colpire un legno con Rodriguez, ma su calcio piazzato. Nella ripresa si è vista una squadra differente, complice anche il calo della squadra di Pioli, già convinta di aver centrato l’obiettivo. Qualche occasione il Toro l’ha costruita, si è anche visto togliere un calcio di rigore, in seguito ad una decisione assolutamente opinabile di Maresca. Finisce così, ed ora i granata sono nuovamente nel pieno della zona retrocessione.

Netto passo indietro di un Toro che combina poco o nulla.

Scopri di più da IL TORO SIAMO NOI

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading