Giampaolo: nel 2013 lasciò Brescia e sparì dopo il confronto con i tifosi - IL TORO SIAMO NOI
Giampaolo: nel 2013 lasciò Brescia e sparì dopo il confronto con i tifosi - IL TORO SIAMO NOI
Giampaolo: nel 2013 lasciò Brescia e sparì dopo il confronto con i tifosi - IL TORO SIAMO NOI
Giampaolo: nel 2013 lasciò Brescia e sparì dopo il confronto con i tifosi - IL TORO SIAMO NOI
Giampaolo: nel 2013 lasciò Brescia e sparì dopo il confronto con i tifosi - IL TORO SIAMO NOI
Giampaolo: nel 2013 lasciò Brescia e sparì dopo il confronto con i tifosi - IL TORO SIAMO NOI

Giampaolo: nel 2013 lasciò Brescia e sparì dopo il confronto con i tifosi

Tecnico e giocatori a testa bassa, si sono lasciati insultare dai tifosi. Nel 2013, Giampaolo si dimise dal Brescia dopo essere stato costretto a un confronto con gli ultrànullabout:blank

Chissà se stavolta Giampaolo rimarrà al suo posto. Oppure, come fece nel 2013, si dileguerà un’altra volta. Scomparve per giorni, poi riapparve e si dimise. Perché «andare a colloquio per rendere conto ai tifosi è stato umiliante. Non è accettabile per un professionista e la società avrebbe dovuto tutelarmi». Disse così in un’intervista alla Gazzetta dello sport.

Presidente del Brescia era Corioni. I tifosi avevano già ottenuto il licenziamento del vice di Giampaolo, Gallo, che aveva giocato con la rivale Atalanta.

Ieri è successa una cosa simile. Peraltro molto frequente nel calcio italiano. Allo stadio Filadelfia l’allenatore Giampaolo e i calciatori sono stati costretti a una sorta di confronto con i tifosi. A dividerli il cancello dello stadio. Il confronto, se vogliamo definirlo così, si è tradotto in una serie di insulti nei confronti dei calciatori. Il repertorio offerto è stato quello classico:

«Mercenari. Chi va in campo, deve metterci i coglioni. Fuori le palle, c’è gente senza lavoro, merde. Andate a lavorare. Andate a pascolare le pecore». E ancora: «Non è che perché non c’è il pubblico allo stadio voi potete fare il c… che volete».

Giampaolo sguardo spento e triste, li guardava. Erano circa trecento. Ovviamente circondati dalle forze dell’ordine,allenatori e giocatori sono rimasti in silenzio, si sono lasciati insultare e poi sono andati via.

Il più contestato è stato il presidente Urbano Cairo. Insulti anche per Jacopo Segre il calciatore che si è fatto immortalare con la maglia di Dybala che ha mostrato per fare felice un parente juventino.

Il Torino, che sabato ha perso il derby con la Juventus, è penultimo in classifica con 6 punti,senza grinta,senza società,senza niente.

Scopri di più da IL TORO SIAMO NOI

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading