Covid: il Napoli fermato dall’ ASL,niente trasferta a Torino

L’incubo coronavirus continua a spaventare la Serie A: il big match di campionato tra Juventus Napoli è a forte rischio dopo gli ultimi casi rilevati nelle fila azzurre. La regione Campania ha infatti bloccato il gruppo di Gattuso, che non parte per Torino.

L’Asl avrebbe infatti proibito al Napoli di partire per il capoluogo piemontese in seguito ai due positivi rilevati nelle ultime ore: troppo alto infatti il rischio di contagio secondo i sanitari locali, che dunque non fornisce l’ok alla squadra per lasciare la città.

Si attende solo l’ufficialità a questo punto, ma il rinvio di Juventus-Napoli sembra inevitabile: una decisione che stride con il protocollo (norma Uefa), secondo il quale ogni club è chiamato a scendere in campo nel caso in cui possa schierare almeno 13 giocatori sani (12 più un portiere).

Foto Articolo

Juventus-Napoli è concretamente a rischio, per non dire a un passo dal rinvio. Gli azzurri sono infatti stati bloccati dalla Regione Campania e, almeno stasera, non partiranno alla volta di Torino. Difficile, quasi impossibile, pensare che la partita si possa giocare domani sera, come da calendario.

Cosa succederà ora? Per fare chiarezza, non siamo nell’ambito della possibilità di rinvio recentemente prevista dalla Serie A. Le positività tra i calciatori di casa Napoli sono “appena” due, ragion per cui Gattuso può ampiamente disporre del numero di calciatori con i quali la Lega ritiene possibile giocare. Tecnicamente, non presentandosi in campo, il Napoli ricadrebbe quindi nelle ipotesi per cui potrebbe incorrere nel 3-0 a tavolino. Un esito che però sarebbe palesemente ingiusto nei confronti degli azzurri. La decisione di non partire, infatti, non è arrivata dai vertici societari e non è stata una scelta, quanto un’indicazione delle autorità locali, sulla quale la Lega non può ovviamente sindacare.

Il precedente di oggi. Proprio in giornata, in Serie C (dove peraltro bastano 4 positivi in squadra per poter rinviare) si è avuto un caso abbastanza simile: Potenza-Palermo è stata infatti rinviata, dopo che la ASL aveva negato il viaggio ai lucani. In quel caso, la complicazione ulteriore era legata all’infrasettimanale che si giocherà in C e quindi rinviare a lunedì sarebbe stato impossibile. Così, la Lega Pro ha rinviato la gara, anche andando oltre le proprie regole, cioè quello che la Serie A dovrebbe/potrebbe fare anche il big match dello Stadium. Stesso discorso per Juventus e Napoli: in questo caso, da lunedì, i giocatori dei due club devono essere a disposizione delle nazionali. Così, se al momento il rinvio della gara di domani è quasi scontato, anche se è comunque necessario che si pronunci la Lega, perché non può essere automatico, resta da capire la data. E non sarà un incastro facile.

COMMENTA L'ARTICOLO