Questione rimborso abbonamenti,UCG contro Cairo: la lettera aperta - IL TORO SIAMO NOI
Questione rimborso abbonamenti,UCG contro Cairo: la lettera aperta - IL TORO SIAMO NOI
Questione rimborso abbonamenti,UCG contro Cairo: la lettera aperta - IL TORO SIAMO NOI
Questione rimborso abbonamenti,UCG contro Cairo: la lettera aperta - IL TORO SIAMO NOI
Questione rimborso abbonamenti,UCG contro Cairo: la lettera aperta - IL TORO SIAMO NOI

Questione rimborso abbonamenti,UCG contro Cairo: la lettera aperta

“Cairo, l’ennesima occasione persa… o meglio… l’ennesima dimostrazione di quanto ti stiano a cuore i diritti dei tifosi del Toro, anche i più fidelizzati! Appena il Torino Fc ha reso nota la procedura per ottenere il rimborso tramite voucher delle 7 partite disputate a porte chiuse abbiamo iniziato a ricevere molte proteste da parte dei Club, vuoi per la difficoltà della procedura medesima, vuoi per la reale possibilità che molte persone, anziani in particolare, possano non riuscire ad utilizzare il loro credito digitale Vivaticket.

A noi preme ricostruire gli antefatti. Il 24-12-2018 il Torino Fc emette un comunicato (ancora visibile sul Sito ufficiale) per gli abbonati, in cui rende noto con fierezza di aver concordato con l’Associazione Movimento Consumatori alcune modifiche alle allora vigenti Condizioni generali di abbonamento, nell’ottica di una sempre crescente tutela degli interessi dei tifosi e con efficacia immediata.
In particolare ai tifosi viene riconosciuto il diritto per … il caso di disputa delle partite a porte chiuse, ad un tagliando sostitutivo o al rimborso del biglietto, rinviando per ulteriori dettagli al testo delle nuove Condizioni generali di abbonamento. Nel Luglio 2019, all’atto della sottoscrizione del proprio abbonamento per la stagione 2019-2020, ogni tifoso ha controfirmato un documento del Torino Fc chiamato “Condizioni di sottoscrizione dell’Abbonamento”.
Il testo del suddetto, alla lettera C), riporta fedelmente:
“….. nel caso di obbligo di giocare le partite a porte chiuse l’abbonato avrà diritto al rimborso del rateo di abbonamento o, A SUA SCELTA, ad un tagliando sostitutivo per assistere alla partita in altro stadio”.

Oggi, la Società di Urbano Cairo, aggrappandosi alla possibilità fornitagli dall’art.88 del DL 18/2020, si RIMANGIA LA PAROLA DATA, calpestando i diritti dei tifosi abbonati e NEGANDO loro la facoltà di SCELTA tra il rimborso monetario del rateo di abbonamento e un voucher digitale con scadenza a 18 mesi.

La Vergogna continua!