Toro-Verona: la pagella granata - IL TORO SIAMO NOI
Toro-Verona: la pagella granata - IL TORO SIAMO NOI
Toro-Verona: la pagella granata - IL TORO SIAMO NOI
Toro-Verona: la pagella granata - IL TORO SIAMO NOI
Toro-Verona: la pagella granata - IL TORO SIAMO NOI
Toro-Verona: la pagella granata - IL TORO SIAMO NOI

Toro-Verona: la pagella granata

Un Verona arrembante non riesce ad andare oltre il pareggio contro un Torino che soffre, ma che lo fa bene. Il primo gol arriva soltanto nel secondo tempo, su un calcio di rigore guadagnato e tirato da Borini. Il pareggio lo trova Zaza qualche minuto più tardi su un bel cross di Ansaldi. Le due squadre cercheranno di sbloccare il risultato, Belotti troverà addirittura il suo settimo legno stagionale, ma non si riuscirà ad andare oltre il pari.

Sirigu 6.5 – Il Verona tira ogni volta che può, ma è bravo a rispondere presente. Sul rigore di Borini però non può nulla.

Lyanco 6 – Troppo aggressivo, spesso rischia il cartellino con interventi spesso sconsiderati. Con il passare dei minuti la sua prestazione migliora, ma lascia il campo per Berenguer a 25 minuti dalla fine.

N’Koulou 5 – Un’ottima partita fino al 55’ quando alza il gomito e colpisce Borini causando il rigore del vantaggio veronese.

Bremer 6 –  Bravo e attento, raramente va in difficoltà nonostante la velocità degli uomini offensivi della squadra di Juric.

De Silvestri SV

Meité 6 – Ottima partita per lui che va raramente in difficoltà, anche nei momenti di massima pressione veronese.

Rincon 6 – Come per il compagno, anche lui gioca un buon match. Attento e sicuro, non è la copertura davanti alla difesa il problema oggi in casa granata.

Ansaldi 6 – Non una bella partita nel complesso la sua, ma trova un cross splendido per la testa di Zaza che segna il gol del pareggio.

Verdi 5.5 – Non è brillante, forse è anche poco lucido. Lotta, ma non sembra riuscire a incidere in questa partita.

Zaza 6 – Soffre per tutta la partita. Vede poco il pallone e finisce spesso per perdersi fra le maglie gialle, ma è bravissimo a trasformare il cross di Ansaldi con i tempi giusti.

Belotti 6 – Costretto a giocare più esterno, non sembra riuscire a incidere come fa di solito. Si abbassa molto e finisce con il dover sfidare in velocità Rrhamani che è bravo a contenerlo. È sfortunato su un calcio d’angolo in pieno recupero a trovare il settimo legno stagionale.

Aina 5.5 – Il suo ingresso in campo dopo meno di un quarto d’ora dall’inizio del match apre a Lazovic praterie che contro De Silvestri non trovava.

Berenguer 6 – Entra con un buon piglio. Il Verona spinge molto e lo costringe ad arretrare, ma qualche galoppata in avanti non se la risparmia. 

One thought on “Toro-Verona: la pagella granata

  1. Ormai anche queste pagelle sono diventate inutili, pur apprezzando la critica di chi fa il suo lavoro. Ma nel caso del Toro attuale sono superflue perchè giudicare questa rosa è a dir poco imbarazzante visto come giocano. Resto dell idea che si salvano pochi elementi, i più sono inguardabili e potrebbero militare in squadre di serie C, forse come panchinari perché li si corre e qui invece lo fanno in pochi e con qualità tecniche inesistenti vista l assoluta imprecisione dei passaggi, l incapacità di saltare l uomo o quella di lasciarsi facilmente superare dagli avversari. Nn si possono concedere tutte queste palle gol e farsi saltare come birilli. E Longo ha pure il coraggio di dire che i ragazzi sono stanchi…. quelli delle altre squadre no? Ha avuto mesi a disposizione per far recuperare energie e una adeguata preparazione ma evidentemente il suo piano e quello del suo staff nn sono stati all altezza di rimettere in sesto una banda che se riuscirà a salvarsi (senza meritarlo, per il gioco espresso) dovrà ringraziare ancora Mazzarri che ha comunque colpe sulle disgrazie della stagione. Le capacità di un allenatore si vedono nei momenti di difficoltà, anche a livello gestionale, e lui – complice anche problemi di salute – ha pensato bene di rescindere addirittura il contratto. Ferrara diventa decisiva, perché Roma e Bologna sono decisamente più forti e nn regaleranno nulla.

Comments are closed.