Inter-Toro: la pagella granata - IL TORO SIAMO NOI
Inter-Toro: la pagella granata - IL TORO SIAMO NOI
Inter-Toro: la pagella granata - IL TORO SIAMO NOI
Inter-Toro: la pagella granata - IL TORO SIAMO NOI
Inter-Toro: la pagella granata - IL TORO SIAMO NOI

Inter-Toro: la pagella granata

Sirigu 6 – Incolpevole sui goal nerazzurri, è bravo ad opporsi a Sanchez negandogli il 4-1. Nel finale salva due volte sui tentativi di Gagliardini.

Izzo 5,5 – Nel primo tempo gioca con attenzione compiendo anche un paio di interventi decisivi, nella ripresa cala di concentrazione con tutto il reparto.

Nkoulou 5,5 – Poco sollecitato nel primo tempo, affonda senza riuscire a tenere in piedi il reparto nel 1-2 con cui l’Inter ribalta il match ad inizio ripresa.

Bremer 5,5 – Sfortunato nel beffare il proprio portiere con la deviazione sul tiro di Lautaro, per il resto condivide le colpe sugli altri due goal, con i colleghi di reparto.

De Silvestri 5,5 – Contro Young non ha vita facile, e si limita a difendere proponendosi poco in fase offensiva. Lo stesso esterno nerazzurro trova anche il goal dalla sua parte.

Singo 6 – Buon impatto sul match del classe 2000 alla sua seconda apparizione in Serie A. Dà vivacità sulla corsia, provando anche la conclusione in un paio di occasioni.

Meité 5,5 – Fatica contro il centrocampo nerazzurro non riuscendo quasi mai ad imporre la sua forza fisica in mezzo al campo.

Lukic 5,5 – Prende il posto di Meitè, ma non riesce ad entrare in partita e di fatto non migliora la qualità del lavoro svolta dal compagno.

Rincon 5,5 – La sua solita grinta non basta a fronteggiare la qualità di palleggio e la voglia di riscatto dei giocatori nerazzurri.

Ansaldi 6,5 – Spinge con forza e qualità sulla corsia mancina e sfiora anche il goal, con una conclusione sul primo palo che per poco non sorprende Handanovic.

Berenguer 5,5 – Inserito per dare maggior imprevedibilità alla manovra offensiva, non si vede praticamente mai, chiuso dai difensori nerazzurri e con un Torino stanco e con poche idee.

Aina 6 – Spinge e difende bene su D’Ambrosio. Non crea pericoli in zona cross, ma non soffre mai dalla sua parte le giocate offensive avversarie.

Verdi 5 – Passo indietro rispetto alla crescita delle ultime gare. Fatica contro i centrali non riuscendo praticamente mai a trovare la giocata utile per rendersi pericoloso.

Millico 6 – Entra col giusto piglio, e prova anche a colpire dalla distanza con un bel destro, che però si spegne sul fondo.

Belotti 6,5 – Anima e corpo di questo Torino, trova un goal fortunato approfittando dell’errore di Handanovic. Lotta fin che ne ha, e trova anche una traversa con un colpo di testa nella ripresa.