Furia Mihajlovic contro Sky

E’ un Sinisa Mihajlovic furibondo quello che si presenta ai microfoni di ‘Sky’ dopo la sconfitta contro il Sassuolo. Finisce la partita espulso e spiega subito il perché con queste parole.

“Sono stato espulso giustamente perché ho mandato l’arbitro a quel paese perché mi son rotto le palle che siamo la squadra più ammonita al mondo, sembra che ci sono 11 killer in campo, invece ci sono solo giovani… evidentemente è più facile ammonire un ragazzino che un giocatore affermato, per questo mi sono arrabbiato”.

L’allenatore serbo non vuole ricevere domande e ribadisce la volontà di affermare il suo pensiero, come un fiume che scorre. Attacca in modo diretto Sky ed in particolar modo Fabio Caressa.

“Domenica abbiamo vinto con l’Inter e ho visto quella trasmissione dove si tolgono le giacche con quello piccolino che conduce, il marito di quella Benedetta Parodi (Fabio Caressa ndr) e c’era anche Bergomi e altri. Ho sentito mezzora di quella trasmissione, non si è mai detta una parola sul Bologna, è una vergogna, sembra che lavorate su Inter Channel, nessuno ha parlato del Bologna né ha fatto i complimenti per la vittoria e per quello che ha fatto, questo non è giornalismo, non mi interessa rispondere a niente, vi saluto”.

Dopo di ciò saluta tutti, stacca l’auricolare e se ne va, lasciando lo studio di ‘Sky’ basito. Evidentemente la sconfitta contro il Sassuolo ha bruciato parecchio nel fuoco di Sinisa.

COMMENTA L'ARTICOLO