Ex-granata esonerato causa Coronavirus

Nonostante lo stop alle partite, il mondo del calcio è in fermento. Si discute sulla possibilità di ricominciare a giocare e sulle modalità con cui questo potrebbe avvenire. Non solo, le società lavorano anche alacremente al calciomercato, per farsi trovare pronte quando ci sarà la ripartenza. E c’è spazio anche per qualche colpo di scena. Come un esonero, nonostante i campionati siano fermi da settimane.



La decisione a sorpresa è stata presa, in Serie B, dall’Ascoli, che ha annunciato l’esonero del tecnico Roberto Stellone. La decisione, come comunicato dal club marchigiano, è stata presa per ammortizzare i costi, derivanti dal contratto ancora in essere col precedente tecnico Zanetti. Era stata tentata la strada della risoluzione consensuale, non accettata da parte di Stellone e del suo staff. L’incarico di nuovo allenatore dei bianconeri è stato affidato al tecnico della Primavera, Guillermo Abascal. Al momento della sospensione del torneo, l’Ascoli occupa il quindicesimo posto a quota 32 punti, al limite della zona playout.

L’emergenza Coronavirus ha ritardato la decisione del club marchigiano (già lo scorso 8 marzo si parlava di possibile esonero) che ha provato a lungo a trovare un accordo, neanche facile vista la situazione che impediva di vedersi di persona, con l’allenatore per arrivare a una risoluzione consensuale, con tanto di buonuscita, sempre rifiutata dallo stesso come si legge anche nel comunicato. Una situazione che ha portato infine al licenziamento annunciato oggi e alla nomina di Abascal, che già da un mese era il candidato in pectore, a guida della prima squadra. Sarà quindi l’ormai ex tecnico delle giovanili a guidare i bianconeri dalla panchina qualora si torni in campo in questa stagione con l’Ascoli che potrebbe a questo punto decidere di far scattare l’opzione per il rinnovo di un altro anno visto che l’attuale contratto dello spagnolo è in scadenza a giugno.


COMMENTA L'ARTICOLO