Calciomercato: circolano tanti nomi,ma a gennaio Cairo si è sempre mosso poco e male


La Stampa in edicola questa mattina dedica al suo interno uno spazio al Torino con il titolo seguente: “Ramirez in pole, piace anche Younes. I granata vanno alla ricerca della fantasia”. Ecco i rinforzi di gennaio che cerca Mazzarri: il primo della lista è l’uruguaiano della Sampdoria. A centrocampo il nome giusto può invece essere quello di Milan Badelj della Fiorentina.

Pero’ siamo ormai abituati ad un Torino che non centra colpi di rilievo durante il mercato di gennaio. Zero acquisti un anno fa così come in quello precedente, mentre nel 2017 arrivò Carlao, sparito completamente dai radar dopo pochissimo tempo. “E’ difficile fare trattative, chi ha giocatori forti o se li tiene o te li fa strapagare” è il leit motiv cairota che ormai i tifosi granata hanno imparato a conoscere benissimo. E così, anche tra qualche giorno, quando il 2 gennaio apriranno i battenti del calciomercato invernale, in via Arcivescovado non sono previsti colpi. Difficile prevedere se sarà proprio un mercato “a zero”, tanto dipenderà dalle cessioni, ma se non ci saranno partenze eccellenti è facile immaginare una sessione con il Toro spettatore.

Eppure, di zone del campo da migliorare ce ne sarebbero eccome. Specialmente in mezzo al campo, da anni ormai il reparto più carente di qualità e quantità: i soli Baselli, Rincon, Meité e Lukic hanno dimostrato di non poter sopportare 38 giornate di campionato, ma non si è mai intervenuto. E anche per questo inverno, almeno per il momento, non si prevedono innesti. Si parla sempre di Alfred Duncan del Sassuolo e Sekho Fofanadell’Udinese, ma il direttore sportivo Massimo Bava non sembra intenzionato ad affondare il colpo. Davanti, poi, continua a circolare il nome di Andrea Petagna, ma ad oggi non c’è spazio per un eventuale volto nuovo.

Sulle fasce, invece, qualcosa potrebbe muoversi, specialmente se dovesse precipitare la situazione legata al rinnovo di Lorenzo De Silvestri. Se l’esterno dovesse fare le valigie, infatti, ipotesi però al momento lontana, il presidente Cairo sarebbe costretto a ricomporre le coppie. Ai granata è stato proposto Luis Advincula, esterno classe 1990 del Rayo Vallecano, più famoso per essere il calciatore più veloce della Liga che per altro. Sono in corso valutazioni, per ora il colpo non viene affondato. E si aspetterà, magari gennaio inoltrato, alla ricerca di quelle “occasioni” tanto care al presidente Cairo, che a gennaio, eccezion fatta per qualche acquisto straordinario, non ha mai investito.


COMMENTA L'ARTICOLO