Il pensiero di un tifoso: “Il cuore si ribella alla ragione”


Lo ammetto, sono un pazzo, stiamo andando sempre più a fondo, ma io non riesco a non pensarci. È inutile, continuo a ripetermi che sono un illuso, che il derby è una partita già persa in partenza, che loro sono forti e che noi stiamo facendo pena. Niente da fare, dentro di me scatta una scintilla, il cuore si ribella alla ragione, il sangue ribolle nelle vene, è il derby cazzo, è il giorno in cui la ” classe operaia ” si ribella al potere, alle ingiustizie, all’arroganza di chi si sente il padrone ( o il padrino ). Si andava in Maratona e si urlava tutta la nostra rabbia, il nostro disprezzo, il nostro ” odio “, verso l’altra sponda, verso il loro ( certamente non nostro ) padrone, perché come dice Vasco in una sua splendida canzone, noi siamo quelli delle illusioni, delle grandi passioni… e mi ricordo chi voleva, al potere la fantasia. E una volta chi scendeva in campo, recepiva questa voglia : di lottare, di combattere, di morire sul campo, piuttosto che arrendersi a loro, agli odiati ” cugini “, quelli ricchi, con la puzza sotto il naso e la erre moscia. Adesso, certamente, qualcosa è cambiato, ma non dentro di me, il derby non dura 90 minuti, comincia come minimo una settimana prima e finisce quella dopo. Ecco, forse tutto questo potrà non piacervi, ma io il ” mio derby “, lo vivo ancora così.

FV❤️G

Sergio Pierantonio


Loading...

COMMENTA L'ARTICOLO