Mazzarri:"Abbiamo adrenalina per domani!" - IL TORO SIAMO NOI
Mazzarri:"Abbiamo adrenalina per domani!" - IL TORO SIAMO NOI
Mazzarri:"Abbiamo adrenalina per domani!" - IL TORO SIAMO NOI
Mazzarri:"Abbiamo adrenalina per domani!" - IL TORO SIAMO NOI
Mazzarri:"Abbiamo adrenalina per domani!" - IL TORO SIAMO NOI

Mazzarri:”Abbiamo adrenalina per domani!”


Domani sarà Juve-Toro, l’attesissimo derby della Mole. Walter Mazzarri, in conferenza stampa, il tecnico ha presentato il match parlando della ricorrenza del 4 maggio, sull’importanza del derby per il popolo granata e sull’assenza di Iago Falque.

Ecco le parole del tecnico del Torino sul 4 maggio: «Abbiamo adrenalina, penso che i ragazzi rispetto al passato siano un po’ più maturi a sappiano gestire un po’ di euforia. Questo è il salto di qualità che mi aspetto.Era fondamentale che non si giocasse il 4 maggio. Il 4 maggio è una data che non va toccata».

Mazzarri ha poi commentato la situazione Juve: «Domani si incontra la prima in classifica. Nel calcio ci sono i valori, non a caso ieri in Barcellona-Liverpool hanno vinto quelli che avevano un fuoriclasse in più.Purtroppo noi non siamo una squadra che loro sottovaluteranno perché il derby e il derby. Loro hanno campioni in attacco ma li hanno anche in difesa, Chiellini è un fuoriclasse della difesa e ho sentito che gioca. Siamo convinti anche noi di essere una squadra forte, quando due squadre si affrontano in un certo modo senza può succedere tutto. Se finisce 0-0? Non lo posso sapere, è chiaro che per i tifosi sarebbe bello vedere i gol».

Sulle assenze, non ultima quella di Iago Falque: «Nel girone di ritorno sono mancati a turno giocatori importante e quando li ho sostituiti si è fatto risultato lo stesso. Quando ha fatto sì che la rosa crescesse, che si innalzasse il valore generale della squadra. Questo mi rende abbastanza tranquillo. Falque non c’era con il Milan ma abbiamo vinto lo stesso, non voglio usare come scusante l’assenza di un giocatore anche perché voglio che tutti si sentano importanti e voglio far crescere la squadra. Falque era inutile portarlo a una partita del genere se non è al 100% e se non puoi mandarlo in campo».