Mazzarri voleva Pereira,arrivò Soriano:le ragioni di un flop - IL TORO SIAMO NOI
Mazzarri voleva Pereira,arrivò Soriano:le ragioni di un flop - IL TORO SIAMO NOI

Mazzarri voleva Pereira,arrivò Soriano:le ragioni di un flop


Soriano in granata era arrivato in extremis con l’etichetta del ripiego. Mazzarri aveva chiesto Pereira del Watford: ce lo ricordiamo tutti. Lui sì un rinforzo superiore, con garanzie allegate. Basti accennare all’ottima stagione che sta disputando: mai in panchina, 20 presenze da titolare su 20 in Premier, quasi mai sostituito, 6 reti segnate da mezzala e 2 assist-gol. Difatti oggi costa ben più dei 15 milioni di luglio/agosto. Nel ruolo, il Torino ripiegò per l’appunto a fine mercato su Soriano: che costava solo un milione (prestito oneroso), ma arrivava anche da una lunga inattività. E nel Villarreal era praticamente fuori rosa.

Nel Toro il centrocampista 27enne ha impressionato solo per la curva discendente (imparagonabile rispetto agli anni nella Samp, quando approdò persino in Nazionale): 11 comparsate in campionato, solo 6 da titolare e nessun gol. Di lui abbiamo perso le tracce a fine novembre a Cagliari: l’ultimo gettone, prima di 6 panchine di fila con in mezzo quegli insopportabili like per i bianconeri subito dopo il derby. Il Bologna, che da tempo cercava un giocatore nel suo ruolo (e che in questi giorni ha superato il Cagliari, altro club che aveva annusato il granata), erediterà il contratto in essere del Toro: prestito oneroso con diritto di riscatto prefissato a 14 milioni (diritto pleonastico, data l’enormità della cifra).


Scopri di più da IL TORO SIAMO NOI

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading