La poesia di un romanista dedicata al Grande Torino


La leggenda der 4 Maggio

Ce stava ‘na squadra che ner dopoguera
‘n bagliore de luce c’ariportava,
la ggente der tempo… passione vera
coll’anima e er core pe’ lei tifava.
Ma ‘n giorno griggio ‘n quer 4 de maggio
volò sù ner cielo nuvolo e triste,
la maja granata de cui fa sfoggio
lí ‘n quer paradiso ancora c’esiste.

Si fossi der Toro oggi puro pe’ me
sarebbe ‘n giorno da rende speciale,
l’orgojo e l’amore che sempre c’è
nessun trofeo pe’ gnente li vale.

E allora io sogno drento me stesso
che forse lassù co’ quarche maggìa,
quell’undici splendido che vedo riflesso
ancora giochi e nun vada più via…
…perché quella che è stata storia e leggenda
ai posteri pure sarà tramandata,
Superga ch’è stata ‘na cosa tremenda
ha reso immortale er core Granata.

Fra ‘n fruscio de vento e ‘n sentimento vero
guardo le nuvole e te rendo omaggio,
io che della Maggica ce vado fiero
ricorderò te,ogni 4 de Maggio.

COMMENTA L'ARTICOLO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.