La mancata Europa fa risparmiare il club


La qualificazione in Europa League, dopo la sconfitta contro l’Atalanta, è ormai un miraggio. E l’obiettivo non raggiunto dai granata, almeno dal punto di vista del bilancio, rappresenta un piccolissimo sollievo per Urbano Cairo, che avrebbe dovuto affrontare una possibile grana legata al destino di Sinisa Mihajlovic.

Il serbo ha il contratto con il Toro in scadenza a giugno, avrebbe rischiato di rimanere legato fino al 2019 al club granata nel caso in cui Belotti e compagni avessero centrato la qualificazione alla prossima Europa League. L’accordo con Mihajlovic, a quel punto, sarebbe stato automaticamente prolungato di un’altra stagione per via della presenza di una clausola legata all’approdo nel palcoscenico europeo da parte del Toro.

Mihajlovic sarebbe rimasto ancora a libro paga del Toro, incassando per un altro anno 1.5 milioni di euro.

A quel punto si sarebbe dovuto mettere d’accordo con Cairo per andare ad allenare un’altra squadra. Missione non semplicissima, vista la tensione dopo l’esonero di gennaio.

Ma il rischio di rimanere intrappolato, per Mihajlovic, sembra ormai evitato dopo la battuta d’arresto di Bergamo. Cairo può consolarsi: 1.5 milioni rimarranno nella casse del club.

COMMENTA L'ARTICOLO