Oggi gli facciamo gli auguri cosi’,con le sue parole d’amore per il Toro

Devo tutto al Torino. Tutto. Lo spirito Toro pervade il mio dna. Il settore giovanile, l’esordio in Serie A, le vittorie di campionato e supercoppa Primavera da allenatore: momenti così belli che è davvero difficile trovare le giuste parole per raccontare. Abbiamo vinto tutti: la squadra e i tifosi erano una cosa sola, un unicum incredibile. Io da buon figlio del Fila ho cercato soltanto di trasmettere a quei ragazzi il senso d’appartenenza, di unione, di umiltà che questa maglia ti trasmette”.

“Il Toro sono tutte quelle persone, quegli Uomini che prima di tutto ti insegnavano il rispetto e la realtà. Ti davano lezioni di vita, poi di calcio. Accomunati tutti da un’unica passione e da un’unica storia. Il Quartiere del Fila, quel luogo dove tutte le differenze sociali si abbattevano e il Toro vinceva sempre e comunque”.

Vado molto spesso a Superga con i miei figli, non solo il 4 maggio. E’ un luogo che fa molto riflettere e mai come oggi, in questo mondo frenetico, c’è estrema necessità, ogni tanto, di fermarsi a pensare. Il Grande Toro non si può descrivere, ma soltanto ricordare e amare. Insegna, parla. Un esempio, un vessillo per ogni ragazzo che ambisce a diventare calciatore”.

TANTI AUGURI MORENO!

loading...

COMMENTA L'ARTICOLO