La Fiorentina risponde alla Juve:"Non sostenete il sistema,lo falsate!" - IL TORO SIAMO NOI
La Fiorentina risponde alla Juve:"Non sostenete il sistema,lo falsate!" - IL TORO SIAMO NOI
La Fiorentina risponde alla Juve:"Non sostenete il sistema,lo falsate!" - IL TORO SIAMO NOI
La Fiorentina risponde alla Juve:"Non sostenete il sistema,lo falsate!" - IL TORO SIAMO NOI
La Fiorentina risponde alla Juve:"Non sostenete il sistema,lo falsate!" - IL TORO SIAMO NOI
La Fiorentina risponde alla Juve:"Non sostenete il sistema,lo falsate!" - IL TORO SIAMO NOI

La Fiorentina risponde alla Juve:”Non sostenete il sistema,lo falsate!”

Questa mattina Tuttosport aveva pubblicato un articolo in cui senza giri di parole attaccava Rocco Commisso e la Fiorentina.

Rocco Comisso non perde occasione di citare la Juventus in tutte le sue esternazioni. Sarà per una reminiscenza infantile («Chiunque nascendo e crescendo in Italia diventa tifoso della Juventus, e lo sono ancora» diceva nel 2019, prima di acquistare la Fiorentina), sarà per titillare l’atavica antipatia che divide i tifosi viola da quelli bianconeri, sta di fatto che quella dell’imprenditore italo-americano è ormai una lotta personale contro la Vecchia Signora. Eppure, nonostante gli attacchi e le critiche, Comisso non disdegna di fare affari con “il nemico”. Anzi, vendendo i giocatori alla Juventus si è finanziato il tanto sbandierato Viola Park, il nuovo centro d’allenamento della Fiorentina costato 113 milioni e fiore all’occhiello della sua presidenza. «Credo e spero che qualcuno, vedendolo, voglia venire alla Fiorentina e non alla Juventus»: anche all’inaugurazione della nuova struttura, appena tre settimane fa, Comisso non ha potuto trattenersi dal ribadire la profonda rivalità, che sfocia nell’invidia, con la Juventus. Eppure dovrebbe ringraziare il club bianconero perché con le cessioni di Dusan Vlahovic e Federico Chiesa, senza considerare quella di Federico Bernardeschi, che risale alla precedente proprietà, ha incassato più di quanto speso per il Viola Park.

Ottantuno milioni, bonus compresi, per l’attaccante serbo, che mantiene il primato di acquisto più oneroso per un club di Serie A durante la sessione invernale, nel gennaio 2022, sessanta milioni, tra prestito, riscatto e bonus per l’attaccante azzurro, per un totale di 141 milioni: se aggiungiamo anche il trasferimento di Bernardeschi, nel 2017-18, arriviamo a quota 181 milioni in sei anni passati dalle casse della Juventus a quelle della Fiorentina, un vero affare, soprattutto per il club viola 

Arriva subito la risposta durante la rassegna stampa in onda sui canali ufficiali del club toscano, dove la conduttrice dello spazio “Buongiorno Viola Park” ha risposto – in nome del presidente Rocco Commisso e della società – all’articolo in questione.

«Ci permettiamo di fare notare che immettere soldi sul mercato portando il proprio bilancio a un rosso di 127 milioni non significa finanziare il calcio italiano, ma falsarlo. Il nostro presidente, e non è l’unico ad averlo detto, ha sempre sostenuto che è ingiusto che i club con un bilancio sano siano svantaggiati rispetto a squadre – non solo la Juventus – che comprano calciatori a cifre esose, hanno monte ingaggi altissimi e che presentano poi bilanci clamorosamente in perdita»

«Ci permettiamo di dire che secondo noi mettere delle plusvalenze fittizie a bilancio, come tra l’altro è emerso dalle sentenze, non è sostenere il sistema»

Scopri di più da IL TORO SIAMO NOI

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading