Paro:"Per come si era messa va bene così" - IL TORO SIAMO NOI
Paro:"Per come si era messa va bene così" - IL TORO SIAMO NOI
Paro:"Per come si era messa va bene così" - IL TORO SIAMO NOI
Paro:"Per come si era messa va bene così" - IL TORO SIAMO NOI
Paro:"Per come si era messa va bene così" - IL TORO SIAMO NOI

Paro:”Per come si era messa va bene così”

Matteo Paro ha parlato a Sky Sport dopo l’1-1 con l’Empoli: “Per come si era messa la partita siamo contenti del pareggio, la squadra ha dimostrato grande spirito e lo abbiamo dimostrato con quel gol strano nel finale. Per il resto sono rammaricato perché la squadra ha fatto una partita importante in entrambe le fasi contro una squadra pericolosa. Ci è mancata un po’ di fortuna, ma anche qualità e cattiveria. La squadra però nelle situazioni di gioco ha creato tanto, i ragazzi devono essere soddisfatti, hanno dimostrato fino alla fine di volerla riprendere, ma si tengano un po’ di rabbia per sabato perché ci aspetta una partita importante”.

Si sono visti ancora gli stessi errori: create tanto e concretizzate poco e quando subite gol è per errori individuali. Come valuta la gara?
“Loro hanno cambiato qualcosa rispetto al solito, noi abbiamo fatto un’ottima partita e creato tanto dominando. Nella ripresa l’Empoli ci ha fatto gol con un’azione un po’ rocambolesca, ma non ho rivisto il gol e non ho ancora fatto valutazioni su Djidji Milinkovic-Savic. Ma siamo stati bravi a giocare con calma, cercando di portarli vicino all’area di rigore senza rischiare le ripartenze. In area difendevano in 8 o 9, ma dobbiamo aumentare qualità nei cross, nei tiri e nell’uno contro uno. I ragazzi hanno espresso un gioco importante, per questo siamo contenti perché non abbiamo concesso nulla. Dispiace un po’ per il risultato, nel complesso meritavamo la vittoria. Siamo contenti di aver segnato alla fine, per una volta, anche perché perdere sarebbe stato brutto”

I tifosi hanno apprezzato la scampata sconfitta, contenti degli applasi finali?
“E’ stato apprezzato lo spirito e l’impegno. Siamo stati bravi nella ripresa a non farci prendere dal panico dopo il gol subito. Abbiamo mantenuto la calma e abbiamo giocato con intelligenza. Il nostro gol è arrivato in maniera un po’ strana, ma abbiamo dominato anche nel secondo tempo. E’ un punto che meritiamo, dobbiamo tenerci un po’ di rabbia per il derby, sappiamo che è un appuntamento importante e cercheremo di affrontarlo al meglio”

Come giudica le prestazioni di Aina e Lazaro?
“Ci sono stati tanti duelli sulle fasce. Sapevamo che Parisi è un giocatore importante in fase offensiva così abbiamo scelto Aina per contenerlo e poter riattaccare. Aina ha grandi doti e deve solo ripetere questo tipo di prestazione e lavorare per migliorare la condizione fisica e la finalizzazione. Ha fatto bene, deve continuare così perché ha grandi margini. Lazaro ha spunti, qualità e piede, si sta esprimendo a buoni livelli. Sulle fasce abbiamo grossi margini di miglioramento”

Quanto vi pesa creare e non segnare?
“Ci sono demeriti nostri, ma è importante non perdere convinzione nel gioco e concentrazione in fase difensiva. Stiamo migliorando a livello del gioco. Per aumentare il possesso si deve conquistare il pallone e non calare in fase difensiva. Oggi abbiamo creato tanto e dobbiamo continuare così per avere più occasioni possibili”

Manca un centravanti di spessore?‘Sappiamo che le caratteristiche dei giocatori sono queste. Noi come staff dobbiamo lavorare di più sui particolari e mettere i ragazzi nelle migliori condizioni possibili. Dobbiamo migliorare sui quinti, sulla precisione dei cross e sui dettagli in modo da permettere Sanabria di colpire meglio di testa e Vlasic di essere più più libero di tirare. Lavoreremo ancora di più su tutto ciò’

Pellegri, per caratteristiche, può essere una soluzione?‘Facciamo sempre queste valutazioni con equlibrio soppesando la condizione dei giocatori. Pellegri ha determinate qualità, veniva da un problema e in settimana ha cominciato ad allenarsi. Anche in base a queste cose scegliamo l’uno o l’altro. Oggo abbiamo preferito partire con Sanabria ed è anche stato sfortunato, ma ci dà tanto’.

Che giudizio dà su Schuurs?’Ha fatto un’ottima partita. E’ un ragazzo intelligente che lavora sui suoi difetti per adattarsi al nostro modo di giocare. Se migliora diventerà un giocatore importante perché ha piede, è veloce e ha visione del gioco. Se lo meritava’.

In cosa deve migliorare Schuurs? Può giocare contro una big?’Viene da un calcio diverso dal nostro per questo lavoriamo con lui su posizioni, contrasti e modo di difendere. Sul gioco è bravo, è molto veloce sul lungo, ma deve migliorare negli spazi brevi, nel contrasto e nel rubare pallanoi. Lo stiamo allenando e lui si è messo a disposizione. Se continua così, avrà la possibilità di giocare anche contro una big. Lui, Buongiorno e Zima hanno carattersiche diverse e decidiamo chi utilizzare in base all’attaccante avversario’.

COMMENTA L'ARTICOLO