Brekalo non ha dubbi:"Il mio futuro è granata!" - IL TORO SIAMO NOI
Brekalo non ha dubbi:"Il mio futuro è granata!" - IL TORO SIAMO NOI
Brekalo non ha dubbi:"Il mio futuro è granata!" - IL TORO SIAMO NOI
Brekalo non ha dubbi:"Il mio futuro è granata!" - IL TORO SIAMO NOI
Brekalo non ha dubbi:"Il mio futuro è granata!" - IL TORO SIAMO NOI

Brekalo non ha dubbi:”Il mio futuro è granata!”

Josip Brekalo, centrocampista del Torino ha parlato nel corso di un’intervista concessa alla Gazzetta dello Sport.




Quali sono i suoi tre momenti più belli da quando è al Torino?
«Al primo posto l’ultimo derby, poi il 4-0 alla Fiorentina, con la mia prima doppietta in Italia, e il 2-1 dell’andata all’Udinese: il mio primo gol sotto la curva».


Il suo inizio di 2022 è stato elettrico, sembra avvolto da una magia: dove ha svoltato?
«Avevo bisogno di tempo per adattarmi al calcio italiano e alla filosofia di mister Juric. Oggi mi sento a mio agio, ho più fiducia in tutto ciò che faccio. Sto crescendo in questa stagione, ma posso fare di più e meglio».

Estate 2021, il Toro inizia a inseguirla da giugno. Lei firma il 31 agosto non senza un po’ di pathos: cosa succede?
«Sono in Germania, devo prendere un volo ma incredibilmente è in ritardo. Sono riuscito ad arrivare a Torino 15 minuti prima della fine del mercato per firmare. Che esperienza!».


In che cosa si accorge che Juric la sta cambiando di più?
«Mi aiuta a conoscere il calcio, a capire i momenti di una partita. Il calcio non è frenesia, bisogna essere pazienti e capire quando è il momento per usare le tue abilità. Per essere al posto giusto nel momento giusto. Il nostro rapporto è fantastico: capisco ciò che vuole da me. Come lo è con i compagni e con lo staff».
Obiettivi personali: aveva parlato di puntare ai 10 gol…
«Sono a sei, direi che sono sulla strada giusta. Magari poi contiamo anche gli assist… Quest’anno ho fatto un grande salto di qualità: se continuo così può diventare la mia miglior stagione. Spero che sia solo l’inizio».

Dove si immagina a luglio?
«Da parte mia certamente spero in granata. Il mio futuro è al Toro, qua sto veramente bene. Torino mi ha reso felice: è il momento più bello e importante della mia carriera».
Sulla spinta del derby, cosa sogna domenica col Cagliari?
«Sarà importante vincere. Giochiamo in casa, con una capienza salita al 75%, spero in uno stadio pieno. Vogliamo vincere per riprendere la nostra corsa. Nessuno poteva aspettarsi una stagione del Toro così bella, io però ci credevo dall’estate. Ora è facile dire… meno male che sei andato al Toro. Ho avuto ragione».