Toro 1-0 H.Verona: basta Pobega,ma che sofferenza!

Il Torino vince la sua seconda partita di fila e prende il decimo posto nella gara valida per la 18ª giornata di Serie A. Gli ospiti pagano a caro prezzo il rosso (con Var) di Magnani al 25′, perché dalla stessa punizione scaturisce il gol-vittoria di Tommaso Pobega.


Juric contro il suo passato si affida a Sanabria, supportato da Praet e Pjaca. Tudor affronta il suo amico perdendo Barak nel riscaldamento; al suo posto Lasagna per affiancare Caprari e Simeone. Il Torino parte forte ma la difesa ospite tiene, come quando Magnani rimpalla un tiro insidioso di Vojvoda. Al quarto d’ora occasione clamorosa per il Toro, ma Praet liscia il suggerimento al centro di Pobega, ingannato dal mancato tackle di Ceccherini. La partita la spacca Magnani; stop sbagliato, Sanabria gli sfila la sfera e lui lo stende. Dopo revisione Var, arriva il rosso al difensore centrale e sulla punizione seguente, Pobega sbatte in rete il pallone vagante. Tudor ne cambia due; fuori Lasagna e, inspiegabilmente, Caprari, per Sutalo e Tameze. Il nuovo modulo blocca il Verona, con Simeone troppo isolato e il Torino fa gioco, pur non andando mai realmente vicino al raddoppio. E così la prima frazione si conclude 1-0.

La ripresa inizia senza cambi, e con il Torino in continua proiezione offensiva; con un lampo il Verona prende il palo con un tiro di Faraoni deviato da Milinkovic-Savic, ma il tutto sarebbe stato vanificato dall’offside. Simeone prova a lottare contro l’intera difesa granata, e il Verona guadagna metri, con il Torino che di contro fatica a trovare spazi. Gli ospiti spingono sull’acceleratore e serve Zima, entrato per Djidji, a chiudere la percussione di Lazovic. Poco dopo Sutalo di testa sfiora il palo, con Milinkovic-Savic che può solo “soffiare” sul pallone. Il Torino non riesce più a tenere a bada il Verona, che non sembra essere in inferiorità numerica. Il Toro è alle corde, ma l’Hellas non trova il guizzo vincente, con Milinkovic-Savic che deve rispedire al mittente un destro di Tameze. Faraoni ha sul destro l’ultimo pallone, ma lo calcia a lato. Finisce con la vittoria, sofferta, del Torino, che serve ai granata per prendere il decimo posto e la parte sinistra della classifica. Seconda sconfitta consecutiva per il Verona, che però esce a testa altissima dallo Stadio Olimpico Grande Torino.