Riceviamo e pubblichiamo:”Cairo non avrai il mio scalpo!”

Egregio  signor Urbano Cairo,

presidente sicuramente di molte società ma certamente non del TORINO che non merita e al quale non appartiene.

Lei è sicuramente un abile uomo d’affari, bravo a capire le situazioni italiane in tema di comunicazione, dove

i giornalisti indipendenti sono scomparsi e esistono gli adulatori – esecutori  che  lei preferisce; bravo  a mettere

le vele al vento politico  di interesse alla sua televisione; bravo a fare le dichiarazioni di forma e stile piemontese  falso e cortese.

Ma non ha né il carisma, né la ragione e tanto meno il cuore di un granata, rimasto puro  nel rispetto di una fede calcistica che lei non potrà cancellare mai.

Ci sta umiliando da sedici anni, cercando  di distruggere  il filo  granata che da sempre unisce intere generazioni.

Ma non ci riuscirà mai.

Caro magnate Urbano Cairo, non avrai il mio scalpo!

Io avrò sempre il TORINO nel cuore e lei no, mai.

 

Settimio Bernardi.