Lotta per la salvezza: l’analisi del rendimento esterno

Il turno infrasettimanale è anche un’analisi del rendimento esterno per le squadre che lottano per la salvezza. Quasi tutte avranno un mercoledì lontano dal proprio stadio.

Il rendimento esterno delle squadre in lotta per la salvezza è spesso un indicatore importante. Non è un caso che mercoledì quasi tutte giocheranno fuori casa, alla ricerca di punti pesanti per la permanenza in Serie A.

Saranno in casa solamente il Torino, che comunque ha una buona media esterna, al di là del risultato raggiunto contro il Verona ieri, nonché il Cagliari. Quest’ultima un po’ altalenante in trasferta, ma per i sardi non ci sono stati regali e balocchi eccessivi anche al “Sant’Elia”.

Le altre compagini in lotta per la salvezza hanno un rendimento esterno da analizzare. Partiamo, però, da chi ha già salutato la compagnia, ovvero Parma e Crotone. Chiaramente, il loro cammino è stato già segnato, le prestazioni in trasferta e il rendimento esterno non è stato di certo ottimale.

Il Crotone è quella messa peggio, ha racimolato solo una vittoria e due pareggi in trasferta, solamente cinque punti raccolti fuori dallo stadio “Ezio Scida”. Numeri che segnano decisamente una resa, sorprende ancor di più il dato del Parma. Che in trasferta ha anche giocato molte partite senza timori, ma ha raccolto decisamente poco. Solamente nove i punti raccolti dai ducali, molti li ha persi nei minuti di recupero (basti pensare solamente alle trasferte con Sassuolo, Fiorentina e Spezia).

Il cammino delle altre squadre è più o meno similare, anche se ci sono delle dovute accortezze. In particolare, il gioco è spesso cambiato: c’è chi si è affidato a un cammino di rimessa, altre non hanno fatto distinzione.

In particolare lo Spezia appartiene a questa categoria. Tecnicamente ha giocato più partite in trasferte che in casa, poiché per due mesi non ha avuto la disponibilità del suo stadio. Il “Picco” è stato sfruttato poco, ma nel computo generale in trasferta per lo Spezia sono arrivati 16 punti, alcuni anche inattesa. In particolare, il colpo esterno dello Spezia è stato senza dubbio quello raggiunto al “San Paolo”: togliere i tre punti agli spezzini e aggiungerli al Napoli darebbe un altro senso alla classifica di entrambe.

Fiorentina e Genoa, invece, ne hanno raccolti 14 di punti fuoricasa. Poco, pochissimo, guardando le rose. La Fiorentina li ha presi anche in maniera coinvolgente come nel caso del 3-0 a Torino sponda Juventus, oppure di peso come nel 4-1 a Benevento. Il Genoa invece ha fatto una politica dei piccoli passi comunque fruttifera.

Il Benevento invece è stata migliore in trasferta di gran lunga. Di punti ne ha collezionati ben 19, ad alternare anche il cammino interno in questo modo, la squadra di Inzaghi sarebbe già salva.

COMMENTA L'ARTICOLO